Amore fra le righe: "TRE DI NOI" di Monica Lombardi.

La rassegna "AMORE FRA LE RIGHE", che ha visto protagoniste le più grandi esponenti del romance italiano,  chiude con un omaggio di cui siamo onorate!


Amate Mike Summers e la sua dolce Julia? Monica Lombardi ci regala "Tre di noi", un episodio inedito e romantico che vi conquisterà! 

GRAZIE PER AVERCI SEGUITO!



 
«Allora, che fate stasera?»
Un metro e novanta per quasi cento chili di peso, il sergente Sean McCullough era una sagoma imponente dietro al volante. Sul sedile del passeggero, Mike Summers, suo diretto superiore alla Omicidi di Atlanta, guardava l’auto in coda davanti a loro, nel traffico rallentato del mattino. Un bimbetto inginocchiato al contrario gli stava facendo delle smorfie dal lunotto posteriore.
«Niente di particolare» rispose Mike, facendo segno al bambino di girarsi e di mettersi la cintura di sicurezza.
Avevano lasciato da poco la sede del medico legale della Contea, dove avevano assistito a un riconoscimento all’obitorio. Invece di immettersi subito nella statale 85, che li avrebbe riportati verso Nord e la sede della Homicide Unit, Mac aveva scelto di attraversare la città, guidando lentamente e puntando dritto verso Downtown. La geografia di Atlanta per loro era segnata dai riferimenti legati al lavoro – i loro uffici, la palazzina del Medico Legale, il Tribunale Minorile che si erano appena lasciati alle spalle – e da macabri eventi legati ai singoli casi. Mike e il suo vice si muovevano in una terra di confine dove morti e vivi si incontravano. I vivi in cerca di giustizia, i morti di vendetta, a volte il contrario. Strattonati da queste violente dinamiche, loro, i poliziotti, facevano il possibile per rimanere aggrappati alla terra dei primi e non farsi risucchiare da quella dei secondi. Perché se i cadaveri scomparivano, i ricordi legati al loro ritrovamento erano puntini indelebili sulla mappa, mentale oltre che fisica, della città.
«E’ San Valentino» puntualizzò Mac.
«Lo so».
«Noi andiamo a cena in un ristorante francese chic che ha trovato Alyssa».
Alyssa era stata la storica fidanzata di Mac fino a cinque mesi prima, quando si erano sposati.
«Non pensavo che San Valentino si festeggiasse anche dopo il matrimonio» osservò Summers.
«Beh, forse verrà scalzato dagli anniversari, te lo saprò dire l’anno prossimo».
Il semaforo tornò verde e le due file di auto ripresero a scorrere. All’interno dell’abitacolo era tornato il silenzio.
«Che cosa non mi stai dicendo?»
McCullough aveva parlato con gli occhi fissi sulla strada. A volte era fastidioso che lo conoscesse così bene, anche se Mike doveva riconoscere che, se il suo testardo amico e collega non avesse avuto l’ostinata determinazione a farlo parlare, in quegli anni, non si sarebbero trovati dov’erano ora – un luogo di supporto e fiducia reciproci che gli piaceva parecchio. Se Mike avesse avuto un fratello, quello sarebbe stato Mac. Persino sua sorella a volte si diceva gelosa di lui. 
In quella particolare occasione, però, Meggie era stata la prima, l’unica per ora, a sapere. Mike le aveva chiesto di accompagnarlo dal gioielliere per aiutarlo a scegliere la taglia dell’anello e lei aveva gongolato come una bambina al lunapark tutto il tempo, blaterando di abiti, inviti, giardini fioriti e quant’altro.
«Corri troppo, non mi ha ancora detto di sì» le aveva detto lui per cercare di frenare quell’entusiasmo che lo faceva sentire a disagio.
«Stai scherzando», era stata la sua risposta.
«Allora?» lo punzecchiò Mac, riportandolo al presente. Era un mastino, di grossa taglia per giunta, non avrebbe mollato.
«Anniversari contro San Valentino. Forse te lo saprò dire anch’io, l’anno prossimo».
La frenata riuscì a coglierlo di sorpresa, se non avesse indossato la cintura di sicurezza si sarebbe trovato sbalzato contro il cruscotto.
«Porca vacca!» tuonò McCullough sopra al clacson dell’auto in coda dietro a loro. «E me lo dici così, mentre sto guidando?»
«Si, beh, è l’ultima volta che ti parlo di questioni private mentre guidi».
«Questioni private?» protestò Mac reinserendo la marcia e riguadagnando il terreno perduto nella fila. «Stiamo parlando di un evento che altera la vita di un uomo! Cazzo, Alyssa andrà in brodo di giuggiole».
«Non mi ha ancora detto di sì» gli fece notare Mike.
«Stai scherzando?»
Mac e Meggie. Avrebbero davvero potuto essere fratelli.


La giornata proseguì tranquilla, in ufficio Mac riuscì persino a trattenersi dal rivelare al resto della squadra che quella sera il loro tenente aveva in programma di fare una proposta di matrimonio alla sua donna, Julia Dunhill.
Poi arrivò la chiamata e Summers e McCullough furono di nuovo in pista. Monroe Drive era ad appena dieci minuti di strada dalla Homicide Unit. Una via residenziale come tante, ad Atlanta. Costeggiata da alberi e villette indipendenti in legno, con auto nuove o ben curate parcheggiate lungo i marciapiedi. Un tranquillo ambiente middle-class. Ma in quella tranquillità reale o apparente era appena stato compiuto un omicidio.
Arrivarono troppo tardi per la vittima – la Omicidi arrivava sempre troppo tardi per la vittima – ma in tempo per fermare chi aveva compiuto il delitto. Non perché fossero stati veloci o bravi, semplicemente perché era stata proprio la donna che aveva menato il fendente letale che li aveva chiamati e li aveva aspettati lì, accanto al cadavere. Incredula, sotto shock, sporca di sangue, attorniata da una scena del crimine che recava chiari segni di colluttazione, in uno scenario che sembrava suggerire l’autodifesa.
Helen Evans viveva in quella casa con il figlio Johnny. Aveva frequentato Joe Marino, la vittima, per qualche tempo, fino a quando la sera prima avevano litigato, non per la prima volta, al telefono e lei aveva rotto. Marino non doveva essere stato d’accordo. Quella mattina, quando era tornata dopo aver accompagnato il figlio a scuola, l’aveva trovato ad aspettarla, lo aveva fatto entrare per evitare una scenata in strada ed era finita molto peggio. Mike era propenso a pensare che, se Helen Evans non avesse afferrato un coltello da cucina, avrebbero trovato lei senza vita, ma per il momento erano solo supposizioni.
Helen Evans era già stata arrestata e portata via. Non era per lei né per i colleghi della scientifica, che stavano facendo con perizia il loro lavoro, che Mike Summers era ancora lì.
«Non se ne parla. Possibile che non riusciate ad avere soluzioni di emergenza migliori?»
L’oggetto della sua rabbia controllata era una bella donna minuta, dai capelli nerissimi e dalla pelle color cioccolato: l’assistente sociale che lo aveva appena informato che Johnny Evans,  il bambino ancora ignaro della tragedia avvenuta in casa sua e che stavano per andare a prendere a scuola, avrebbe dovuto trascorrere almeno un paio di notti in orfanatrofio, prima di poter essere affidato a una famiglia.
«Le abbiamo, Mike. Sfortunatamente, le poche famiglie approvate dal giudice dei minori che si prestano a farci da cuscinetto in casi simili sono o fuori città o già impegnate con altri ragazzini. Se non avessi un aereo in partenza per New York tra due ore, lo porterei a casa io».
Il fidanzato di Lorna Lee era di New York. Cena di San Valentino, senza dubbio. Ma non fu quello ad attirare l’attenzione di Mike.
«Potresti farlo? Portartelo a casa per quanto… due o tre giorni?»
«Finché non troviamo la famiglia per l’affido, l’ho già fatto in passato».
«Potrei farlo anch’io?» disse Mike senza pensarci su due volte. L’idea che avrebbero dovuto accompagnare un bambino di dieci anni in una struttura dello stato per abbandonarlo lì in mezzo a degli sconosciuti era inaccettabile.
«Un ufficiale di polizia?»
«Vuoi vedere il mio curriculum?» le rispose Mike alzando un sopracciglio.
Lorna sorrise, e i suoi denti bianchi brillarono contro la pelle scura.
«Affidabile e sicuro ai massimi livelli, certo, ma come puoi occuparti di un bambino anche solo per pochi giorni?»
«Julia, la mia ragazza, lavora come consulente per noi. Spesso da casa, e con orari molto più flessibili dei miei».
Lorna lo guardò e Mike sapeva che cosa stava vedendo. Nessuno dei due voleva pensare a Johnny Evans in un orfanatrofio, quella sera, mentre stava brindando con il proprio compagno a una tavola finemente imbandita.
«Chiama Julia» gli disse infine con un cenno del capo. «Io sento il giudice per avere il suo consenso».


L’appartamento dove Mike e Julia si erano trasferiti da pochi mesi occupava l’intero ultimo piano di una palazzina non lontana da dove abitavano Meggie Summers e la sua famiglia. Dovevano ancora finire di arredarlo, c’era ancora qualche scatolone in giro, ma la sentivano già come casa loro. In più, c’erano uno studio e una camera per gli ospiti, così l’aveva definita Julia.
Quando Mike e Lorna si erano presentati a scuola di Johnny, gli avevano raccontato che sua madre era dovuta partire per aiutare la polizia. Il che tutto sommato non era neanche una totale bugia, visto che Mac in quelle stesse ore stava raccogliendo la sua deposizione. Johnny era un bambino silenzioso, serio, con grandi occhi scuri. Mike non gli aveva fatto domande, in macchina aveva solo chiacchierato del più e del meno per cercare di farlo sentire a suo agio. Ma era stato solo quando erano arrivati a casa ed era entrata in scena Julia che l’aveva visto cominciare a rilassarsi davvero.
«Allora raccontami. Com’è andare in quarta elementare?» gli stava chiedendo lei in quel momento. «Non me lo ricordo tanto bene».
Che fosse perché Julia lo intimidiva di meno o perché sapeva mettersi al suo livello, Mike non avrebbe saputo dirlo, ma stava funzionando.
Il menu a base di pesce e crostacei che avevano pensato quella mattina era stato sostituito da hamburger e patatine fritte, ma appena si erano seduti a tavola, nella loro nuova cucina, Julia aveva chiesto a Johnny se gli piacevano gli spaghetti alle vongole, e alla sua risposta affermativa gli aveva promesso che li avrebbe preparati la sera dopo.
Ascoltando distrattamente il racconto di Johnny sulla sua vita scolastica, recitato tra una patatina e l’altra come se conoscesse Julia da un sacco di tempo, Mike pensò al periodo difficile che lo attendeva. Il giorno dopo l’avrebbe accompagnato dalla madre, un incontro che sarebbe avvenuto negli uffici dei servizi sociali. Da quel momento, con il supporto di una psicologa e in base alle reazioni del bambino, avrebbero deciso come gestire le rivelazioni su quanto era realmente accaduto e il periodo fino al processo.
Quella sera per Johnny Evans era una tregua. E Julia lo stava aiutando a viverla come tale. Quante donne avrebbero avuto la sensibilità e la flessibilità di sostituire una romantica cena di San Valentino con quell’insolito, inaspettato trio?
La scatolina con l’anello che aveva comprato proprio per quell’occasione sembrava pesare più del dovuto, nella tasca della giacca. Mike lo aveva portato a casa dall’ufficio pur pensando che, visto il cambio di programma, non gliel’avrebbe dato quella sera. Mike continuò a pensarlo finché, a piatti ormai vuoti, Johnny si girò verso di lui.
«Mi piace la tua ragazza, tenente Summers». Gli aveva detto di chiamarlo Mike, a quanto pare inutilmente. Julia stava sorridendo, anche lei lo chiamava spesso così. «Vedi di non fartela portare via, okay?» aggiunse il bambino, serissimo.
Okay.
Aveva la breve risposta sulla punta delle labbra ma si bloccò, rendendosi conto all’improvviso che, in una vita come la loro, in cui niente era ordinario, era giusto e naturale che neanche quel momento lo fosse.
«Sai che cosa si fa, per non farsi portare via la ragazza?» domandò al loro piccolo ospite.
«No. Cosa?»
Ecco, era riuscito a interessarlo.
«Per prima cosa devi trattarla bene. Altrimenti, perché dovrebbe rimanere con te?»
Johnny annuì, convinto. Al suo fianco Julia sorrise.
«Poi, devi dire agli altri ragazzi che è già ‘presa’, che non è più libera».
Questo lasciò il bambino un po’ più dubbioso, ma solo all’inizio. Poi il suo bel viso, in cui Mike continuava a vedere suo malgrado quello stravolto dall’orrore della madre, si illuminò.
«L’anello! Devi darle l’anello, l’ho visto in un film!». Guardò la mano che Julia aveva appoggiata sul tavolo, poi le prese l’altra. Si girò perplesso verso di lui. «Lei non porta anelli».
Mike si infilò la mano in tasca e tirò fuori la scatolina, appoggiandola sulla tovaglia e spingendola verso di loro.
«Ecco, stasera pensavo appunto di rimediare a questa mancanza».
Julia, sorriso scomparso, aveva smesso di respirare.
E’ il nostro momento, pensò Mike aprendo la piccola scatola, e lo ricorderò per sempre. Johnny compreso. Forse lo ricorderà anche lui.
«La sposi?»
Mike fissava Julia ora, la sua Julia, godendosi la sua espressione che da impietrita dalla sorpresa aveva ora cominciato a rivelare tutte le sue emozioni. Notò con sollievo che aveva anche ripreso a respirare.
«Se lei vorrà. Questo anello serve per chiederglielo».
«E per fare capire agli altri ragazzi che, fino al matrimonio, è comunque ‘presa’».
Senza staccare gli occhi da quelli di Julia, Mike annuì.
«Proprio così».
Con la coda dell’occhio vide che anche Johnny annuiva, sorridente e soddisfatto.
Mike non avrebbe mai potuto immaginare quel momento così. Aveva pensato di darle l’anello mentre si godevano una cioccolata calda a lume di candela sul terrazzo, dopo cena, perché neanche il freddo riusciva a tenerli lontani dal loro rifugio segreto. Ma la loro vita era fatta di piani stravolti e di momenti rubati, lo sapevano ormai entrambi e il sorriso che si stavano cambiando raccontava proprio quella complicità. Quelli erano loro, si stavano dicendo, e avevano imparato a prendersi e ad amarsi esattamente com’erano, imprevisti, telefonate in mezzo alla notte e sonno arretrato compreso. In fondo, se alla loro non-routine si fossero aggiunti gli strilli notturni di un neonato, poco sarebbe cambiato.
Quell’ultimo pensiero totalmente inaspettato lo colpì e questa volta fu lui, a rimanere senza fiato. Stava immaginando qualcosa che sapeva Julia desiderava da tempo e che lui non avrebbe mai pensato di poter volere così presto. Non dopo gli eventi di undici anni prima.
«Posso aiutarla io a infilarlo?» domandò Johnny.
«Vai». Più di quel monosillabo in quel momento non sarebbe riuscito a dire.
In men che non si dica, l’anello che le aveva scelto fu infilato sul suo anulare da un bambino e sembrò perfetto per Julia. Semplice ed elegante come lei. 
Ora aveva bisogno di distrarre Johnny perché moriva dalla voglia di abbracciarla. Lei era ammutolita e rigida, impegnata, la conosceva, a trattenere quelle lacrime che le rendevano gli occhi brillanti sotto alle luci morbide della cucina. Forse le aveva tolto la possibilità di parlare, con quella proposta inconsueta, ma ora aveva bisogno di sentire la sua voce.
Si alzò, cercando il telecomando del televisore.
«Perché non guardi un cartone mentre noi controlliamo se è rimasto un po’ di gelato in freezer? Ti piace Sponge Bob, Johnny?»
«Mi piace anche il gelato».
Quando Mike tornò a voltarsi verso il tavolo dopo aver trovato il programma in questione, Julia si era alzata, aveva raccolto i piatti e li stava portando al lavello. Mike la raggiunse, l’abbracciò da dietro e lei si girò nelle sue braccia, proprio come lui aveva voluto. Gli strofinò le labbra sul collo parlandogli in un sussurro.
«Tu e le tue sorprese, tenente Summers».
«E io che ero convinto che avessi capito tutto l’esatto giorno in cui l’avevo comprato».
«Vuoi davvero sposarmi?» gli chiese, le mani intrecciate sulla sua nuca, allontanando la testa a sufficienza da riuscire a guardarlo in faccia con gli occhi ancora lucidi ma pieni di felicità.
«Non hai afferrato la logica del ‘tieniti stretta la ragazza’?»
Era riuscito a farla ridere.
«Okay».
«Non voglio un okay. Voglio un sì».
«Va bene, allora sì, tenente Summers».
Se la strinse contro, cullandola tra le sue braccia.
«Non te ne pentirai, signora Summers».
«Vedremo» rispose lei, asciugandosi con il pollice l’unica lacrima che le era sfuggita prima di riprendere il controllo.
«È sì anche per me» disse allora Mike.
Julia arretrò di nuovo per osservarlo e questa volta sembrò non capire.
«Lo immaginavo, visto che me lo hai chiesto» ammise, confusa.
«No, è “sì” all’altra domanda».
«Quale altra domanda?»
«Quella che non mi hai mai fatto. Tre di noi mi piace. Facciamo un bambino».
«Ora?» L’aveva detto per dare espressione allo stupore che l’aveva invasa, per arginare la pura gioia che le stava affiorando negli occhi, nel sorriso.
Mike guardò verso il tavolo, dove Johnny era assorbito dal cartone.
«Gelato, lo mettiamo a letto, bambino. Domani, se stanotte proprio non fosse possibile».
Julia stava ridendo di nuovo.
«Prima matrimonio, poi bambino» lo corresse.
«Non pensavo che tu fossi così tradizionalista».
«Non lo sono» replicò lei scuotendo la testa. «Non ti ricordi che sono venuta a letto con te quando ancora pensavi che sarei ripartita da lì a pochi giorni per Seattle?»
«Per fortuna non l’hai fatto».
«Intendevo che per sposarci ci bastano nove settimane, per fare un bambino servono nove mesi».
Mike fece segno di no.
«Nove giorni, per sposarci. Così impediamo a Meggie di trasformarlo nel matrimonio nel secolo».
«E rubarle tutto il divertimento?»
«Lo sapevo che vi sareste alleate contro di me» osservò Mike con una smorfia.
«Sarà una cosa semplice, se così vuoi. A me non importa. Mi basta avere te, tenente».
Mike le sistemò una ciocca di capelli dietro all’orecchio, non ce n’era bisogno ma gli piaceva toccarle i capelli. Ne approfittò per trattenersi con le dita ad accarezzarle lo zigomo, il mento, il collo. L’altra mano era ancora appoggiata sulla sua schiena, aumentò la pressione in modo da stringerla di più contro di sé.
«Però per avere un bambino tra nove mesi, dovremo comunque cominciare subito» le fece notare.
«Okay. Voglio dire, sì, va bene».
«Adesso?»
«Appena possibile».
La baciò. Voleva solo sfiorarle le labbra ma Julia aveva un’idea diversa, di quel bacio, e Mike non aveva certo intenzione di contraddirla, non quella sera. L’accontentò, dunque, accettando l’invito di lei a schiudere le labbra, invadendo e lasciandosi invadere. Inebriato, come sempre accadeva, dalla donna che aveva la fortuna di avere tra le braccia.
Non si separarono finché qualcuno non si schiarì la voce, dietro di loro.
«Se non lo trovate potremmo andare a prenderlo fuori, il gelato».







L'autrice:

Monica Lombardi, padre toscano e mamma istriana, lavora come interprete e traduttrice free-lance. Sposata, madre di due figli, vive da più di trent’anni in provincia di Milano.
E' autrice di una serie rosa crime di cui è protagonista il tenente della Homicide Unit di Atlanta Mike Summers (Scatole cinesi, Labirinto, Gambler e Scacco Matto, tutti disponibili in versione cartacea e digitale) e ha partecipato alle raccolte di racconti in e-book Love at Christmas e C’è amore nell’aria.
A luglio Emma Books ha pubblicato la nuova edizione digitale della sua commedia romantica Three Doors - La vita secondo Sam Bolton, e il suo racconto Niente è per caso sarà nell’antologia Gli uomini preferiscono le befane che Emma Books proporrà per queste feste natalizie.
Tra pochi giorni uscirà inoltre, sempre pubblicata da Spinnaker DGbooks, una raccolta di suoi racconti romantic suspense in e-book dal titolo Bluegirl e altre storie contenente la novella inedita Bluegirl e i racconti Gli occhi della paura, Silver nights e Let it snow.

Visita la pagina di Mike Summer and friends:  


 Ti è piaciuto il racconto di Monica Lombardi?
Lascia qui un tuo commento per farci sapere cosa ne pensi!




Potete trovare qui i racconti di "Amore fra le righe 2013"





Se ti piace questo racconto clicca g+1 
Commenta il post per farci sapere la tua opinione!

12 commenti:

  1. Per noi Mike-dipendenti, questo racconto è un regalo strepitoso.
    Certo che la nostra Julia lo ha addomesticato mica male...

    RispondiElimina
  2. stupendo Monica...e lo dico senza vergognarmi, mi son commossa fino alle lacrime... é stato meraviglioso ritrovare 2 vecchi amici che ho amato all'inverosimile in questo loro momento speciale... E la tua scrittura rende sempre tutto così vivo... Grazie

    RispondiElimina
  3. Grazie a voi per aver letto subito subito e commentato <3 Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Una bella rimpatriata con Mike e Julia ci sta sempre bene, soprattutto se ci fa vedere che le cose fra di loro vanno alla grande. Un racconto delizioso, brava Monica!

    RispondiElimina
  5. Oh, e allora che vuoi che dica? Li ho visti qui, con questo bimbetto in mezzo, le cose che non si sono detti, quelle che forse si diranno in una pagina che non hai ancora scritto, quell'anello che finisce al dito di Julia, il loro abbraccio che sa di mille promesse che forse avranno il tempo e la voglia e la possibilità di mantenere o ritrattare... A seconda delle mille sorprese che la vita gli riserverà. E allora, così in questa cucina, nella loro quotidianità che parla di un sì, con quella risposta a una domanda non fatta "tre di noi mi piace", io li visti.
    E ho detto tutto.
    Brava.

    RispondiElimina
  6. é bello girovagare per le pagine...cercare le ultime novità publicazioni che ti eri persa ed inmbattersi in queste chicche!!
    Sono tanto contenta.
    una bella serata ora ancora più bella.
    Chiara'77

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella conclusione, non trovi? ^_^

      Elimina
  7. l'ho appena letto e come sempre Monica Lombardi nel raccontare le vicissitudini del suo tenente Summer mi cattura, affascinandomi, rendendo palpabili le emozioni e i sentimenti che quasi ti dispiace che la storia finisca e vorresti continuare a leggerla per prolungare all'infinito le sensazioni provate perché Mike nella sua riservatezza riesce ad trasmettertele tutte. Spero tanto che Monica Lombardi prosegua la serie di Mike Summer, per favore potete trasmetterle la mia preghiera. grazie eluciano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! E se il prossimo romanzo della serie Mike Summers vedesse come protagonista la sfortunata Paula, che si merita anche lei un lieto fine? Vi piacerebbe? E' solo un'idea per ora ma voglio riuscire a metterci mano quanto prima :) Nel frattempo, a giugno esce per Emma Books "Vertigo", il mio nuovo romanzo: una trama a tinte spy e nuovi personaggi. Date loro una chance, credo vi piaceranno. A me hanno rubato il cuore :D
      Grazie eluciano per il tuo commento e la tua richiesta. Buon primo maggio!

      Elimina
    2. Merci Monica,
      sicuramente darò più che una chance ai personaggi di "Vertigo" amando molto il genere spazio piacevolmente dai suspense ai noir passando per polizieschi, gialli e thriller di qualità anche addolciti dal tocco romance, aspetterò con ansia di conoscerli e, sicuramente, apprezzarli. Sono felicissima che Mike Summer & C. continuino le avventure. Un baiser Ellida Luciano

      Elimina
  8. Grazie a tutte voi fanciulle che avete letto e commentato <3 E' bellissimo vedere ancora una volta come Mike e Julia siano entrati nel vostro cuore, come già sono nel mio.
    Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.
L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.
L'autore del sito non ha alcuna responsabilità per le segnalazioni riportate nei commenti e per i loro contenuti. Ciascun commento o post inserito vincola l'autore dello stesso ad ogni eventuale responsabilità civile e penale.