L'Angolo di Matesi: "A CENA COL COMMISSARIO MARIANI".





 Cosa distingue una storiella da una pagina di alta letteratura? Maria Teresa Siciliano ce lo dice attraverso le parole di una bravissima autrice italiana: Maria Masella.



Vorrei prendere in esame con voi un brano di Celtique, il dodicesimo giallo Mariani di Maria Masella.
Antonio Mariani viene da una famiglia comunista. Sua madre è stata partigiana. Rosso sempre l’ambiente in cui è cresciuto. Negli anni Settanta era in piazza a sfilare e imprecare contro la polizia. Poi ha lasciato Genova, imbarcandosi come marinaio.
Al ritorno ha fatto una scelta fortemente riprovata da sua madre ed è entrato in polizia come commissario.
Sono passati molti anni. Ora è sposato con due figlie, Manu e Ludo, e continua a combattere il crimine sempre in modo molto personale. L’azione del romanzo comincia quando viene contattato da Mannini, un amico dei tempi della contestazione, che ha fatto la scelta opposta della lotta armata e della latitanza. Materia da polizia e da servizi segreti.
Alla fine del capitolo 41, Mariani ha passato una giornata sfibrante per mettere a punto il piano per l’indomani, la resa dei conti con Mannini. Di cosa farà e di cosa accadrà noi lettori non sappiamo nulla.
Quindi, invece di andare a casa, fa una cosa insolita. Va dalla madre Emma.

Ho trovato posto per l’auto non tanto lontano dalla casa di mia madre.
Si è un po’ stupita vedendomi ma non ha commentato.
“Posso fermarmi a cena, ma’?”
“Non ho molto – Infatti, mangia sempre meno. – Cose da vecchi.”
“Passando ho preso farinata e cuculli.”
Abbiamo cenato faccia a faccia, parlando soprattutto di Manu e Ludo.

Perché è andato dalla madre? Non lo sappiamo, anche se abbiamo un sospetto. E allora perché non le dice niente? Perché parlano solo del più e del meno?

Soltanto dopo il caffè, al momento di andar via, ha detto, all’improvviso: “Uno dei motivi per cui non avrei voluto che tu entrassi in polizia era proprio questo, Nino.”
È ormai l’unica a chiamarmi Nino, e lo conserva per le grandi occasioni.
“Questo?” perché non le ho detto nulla di quanto mi rode dentro, cuore e testa e pancia.

Senza parlare, madre e figlio si sono comunicati qualcosa sulla drammaticità della decisione da prendere per Antonio. Ed Emma chiarisce finalmente una delle motivazioni che l’avevano spinta ad avversare la scelta di vita del figlio.
 “Prima o poi sarebbe arrivato il momento in cui avresti dovuto decidere a chi dare la tua fedeltà.”

Prima o poi viene il momento di scegliere. I compagni che sbagliano o la legalità? La polizia o la parte politica vicina al suo cuore e al suo cervello?

 “L’ho scelto.”

Lui ha scelto. Ma, prima di agire, ha bisogno di chiudere i conti anche con sua madre. Che rappresenta per lui la scelta di stare sempre dalla parte degli ultimi, dei poveri, dei diseredati. E contro i potenti egoisti e spesso corrotti. Ma questo non vuol dire complicità con chi è fuori dalla legge o chiudere un occhio sulla violenza.

“Lo so.” Mi posa la mano sul braccio, un gran gesto per una donna così parca di dimostrazioni d’affetto. “Ora vai a casa da tua moglie” ed è raro che non la chiami “Francesca”.

http://www.mariamasella.it/img/hp/main/mi1_1.jpgEmma ha compreso e condiviso la scelta di Antonio. In modo forse molto genovese e poco italiano. Tutto è, del resto, tranne una madre tradizionale e soffocante. C’è un momento in cui si deve lasciare andare il figlio, permettergli di trovare il proprio punto di equilibrio e la propria autonomia.
Emma ha iniziato questa strada decenni fa, ma gli esami non finiscono mai. E siamo all’ultima tappa.
Immagino che per questo chiami la nuora “tua moglie”. È il riconoscimento che l’ultimo cordone ombelicale è stato reciso.




Ho voluto sottoporvi questo brano per farvi capire, come io non saprei fare, cos’è una narrazione essenziale ed efficace.

Mica occorre essere logorroici. Mica occorre essere melodrammatici. Una scrittrice deve anche lasciare spazio ai silenzi.

Così si scrive, secondo me, una pagina di alta letteratura.

Matesi



 L'autrice:
http://www.progettobabele.it/numerosedici/IMMAGINI/Masella.jpgMaria Masella, conosciuta anche con lo pseudonimo Mary M. Riddle  è nata a Genova. Laureata in Matematica, ha insegnato per molti anni al liceo scientifico.
La sua carriera da scrittrice ha avuto inizio con la pubblicazione di alcuni suoi racconti di spionaggio nella collana Segretissimo di Mondadori ma ha poi cambiato più volte genere scrivendo racconti o romanzi fantasy, gialli e romance con ambientazione sia storica che contemporanea.
Ha partecipato varie volte al Mystfest di Cattolica, ed è stata premiata in due edizioni (1987 e 1988). Due suoi racconti sono stati finalisti al Premio Tolkien.
Con Frilli Editori, ha pubblicato una serie di gialli aventi come protagonista il commissario Antonio Mariani: il buon successo ottenuto dal personaggio ha portato alla vendita dei diritti per la realizzazione di una fiction televisiva.Per INSAZIABILI LETTURE ha scritto il racconto SINDROME DI SAN VALENTINO in occasione dell'evento letterario "Amore tra le righe"
Visita il sito dell'autrice: http://www.mariamasella.it/




Se ti è piaciuta questo articolo clicca g+1

Commenta il post per farci sapere la tua opinione!






4 commenti:

  1. grazie a Teresa Siciliano, che del suo nome doppio ha eliminato il "Maria" che ho conservato nel mio!
    grazie al blog!
    Su alcune pagine si lavora molto e sono soprattutto quelle in cui non accade nulla. Ricordo di averla scritta per avere una pausa prima degli eventi. Alcune pagine sono faticosissime, come la prima dell'ultimo mariani e la prima del racconto noir che uscirà in un'antologia. Ho usato la prima dell'ultimo mariani come traccia per una mini lezione di narrativa a degli studenti. spero che non ci siano errori di battitura, ho pc ballerino.
    ancora grazie!

    RispondiElimina
  2. Teresa Siciliano9 dicembre 2014 11:24

    Nei giorni scorsi con la Palevi e altre giovani scrittrici avevamo discusso cosa sia la prolissità. Allora mi è venuta in mente questa tua meravigliosa pagina, che fin dall'inizio mi aveva colpito in modo particolare. Ed è nato l'articolo.

    RispondiElimina
  3. Teresa Siciliano10 dicembre 2014 07:53

    Mi è stato fatta rilevare una svista nell'antefatto del romanzo: Mariani e Mannini non si incontrano da ragazzi, ma quando Mariani è un giovane commissario e guida l'inchiesta sulla morte dell'ex partigiano Primo.

    RispondiElimina
  4. Teresa Siciliano10 dicembre 2014 08:59

    Errata corrige: Mi è stata

    RispondiElimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.
L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.
L'autore del sito non ha alcuna responsabilità per le segnalazioni riportate nei commenti e per i loro contenuti. Ciascun commento o post inserito vincola l'autore dello stesso ad ogni eventuale responsabilità civile e penale.