L'Angolo di Matesi: "IL FINALE NEL ROMANCE".



IL FINALE NEL ROMANCE

Attenzione: molti spoiler (ovviamente)


Una delle cose più importanti nel romance è il finale. A prima vista, esso sembrerebbe scontato: la conclusione deve essere lieta. In realtà questo fatto si è consolidato nel corso del tempo: potrei citare i precedenti del Conte di Montecristo di Dumas o di Via col vento della Mitchell oppure, agli albori dei Romanzi, il famigerato Navajo.
Ma il problema vero è che in merito i gusti sono vari. Quindi ora vi dirò come dev’essere, SECONDO ME, un finale. O, meglio, come non deve essere. 
Innanzitutto bisogna fare attenzione alla verosimiglianza. Non ridacchiate: intendo la verosimiglianza nei limiti in cui è possibile nel romanzo rosa. Ad esempio, lo so che nei telefilm di Zorro tutte ci siamo abituate da ragazzine (io no, veramente) al fatto che il protagonista, mascherato, non viene riconosciuto neanche da suo padre. Ma la cosa è davvero insostenibile: va bene che Zorro cambia la voce nelle due identità (anche se già non è credibile che la sua voce vera sia quella di Zorro e non quella di Diego). Ma, come è ovvio, le persone si individuano sulla base di molti elementi. 
E che si possa ad esempio non essere riconosciuti, perché mascherati, durante ripetute scene di sesso è ridicolo: eppure è successo in Ingannevole bellezza della Thomas o in Misterioso amante della Black o in Una dolce conquista della Balogh.
In secondo luogo, se per tutto il libro i protagonisti perseguono un obiettivo (per esempio raccogliere un’eredità come in Capitano del mio cuore della Hawkins), nel finale non li puoi far rinunciare a tutto e scambiare Tristan con il fratello. O almeno a me ha dato fastidio. Scherziamo? Dopo tutta quella fatica?
Se un aristocratico ha bisogno di un erede e sposa una donna che non può avere figli, alla fine di solito il bebè nasce. Come è noto, è il caso del Duca di ghiaccio. Mi ricordo solo un romanzo (L’ultimo segreto della Masella) dove si ricorre all’adozione (anche se nello specifico, come spesso avviene nella realtà, ci saranno poi anche gravidanze naturali). Ma è raro.
Quanto alla grande tematica della malattia, a volte le autrici ricorrono a guarigioni più o meno miracolose: ad esempio, nella Forza dell’amore della Heath, Ashton guarisce dalla tubercolosi senza alcuna cura e l’autrice si premura di informarci che si è ispirata ad un caso reale. A volte, invece, come in Semplicemente amore o La luce dell’amore della Balogh, il lieto fine nasce dalla capacità di trarre il meglio dalle proprie limitazioni e superarle. Confesso che questo tipo di conclusioni mi piacciono moltissimo, anche quando devo fare uno sforzo per crederci.
Detesto invece l’eccessivo buonismo.
In questo la Balogh è recidiva. In Un vero dandy è capace di inventare una scena incredibile in cui tutti i nobili del ton, a cui la protagonista si è prostituita, intervengono per difenderla dal suo sfruttatore e riabilitarne (addirittura!) la reputazione. In Un gioiello raro una prostituta, proveniente da una casa di piacere, diventa prima una mantenuta, poi la moglie dell’aristocratico di turno e viene accettata nella piccola cerchia degli amici di lui (tutti persone davvero superiori). All’epoca il finale mi sembrò ridicolo e mi rammaricai che i due non fossero almeno andati a nascondersi nell’Africa equatoriale. In verità nel seguito, Sposa a Natale, si riprendeva la questione, sottolineando l’emarginazione in cui la coppia si trovava dopo il matrimonio, ma riuscendo a risolvere sia i suoi problemi sia quelli della famigerata matrigna di Gerard.
Infatti in ben due romanzi l’autrice mette in scena delle matrigne spudorate, colpevoli di aver fatto avance ai giovani figliastri. E, nella Proposta, tutto finisce in una incredibile, risibile riconciliazione generale.
Però il caso nello stesso tempo più inverosimile e divertente è quello di Innamorarsi di un lord. Qui abbiamo ben quattro prostitute, che vediamo esercitare il loro mestiere all’inizio del volume, tutte simpatiche, tutte che si redimono e si rifanno una vita! Davvero un po’ troppo anche per la Balogh!





Se ti è piaciuto questo articolo clicca g+1

Commenta il post per farci sapere la tua opinione!

3 commenti:

  1. Teresa ha ragione e per molti versi la versomiglianza che lei invoca rimanda non tanto al confronto con il mondo reale quanto al tema della coerenza interna dei personaggi. Un entourage improntato agli stereotipi della rispettabilità non può emendarsi legittimando una moglie ex prostituta. Un personaggio che nel patto narrativo iniziale definiamo mosso dall'obbiettivo di consguire un'eredità non può rinunciarvi nel finale.

    RispondiElimina
  2. Cara Matesi, hai citato il Navajo, un romanzo che a me è piaciuto moltissimo. Il finale di quella storia di donne sarebbe stato perfetto, se l'autrice non avesse voluto esagerare con una scena troppo cruenta (volendo dimenticare quelle precedenti). Quando avevo letto il libro avevo considerato che nei secoli passati i nativi americani non erano nemmeno considerati uomini (purtroppo), e mi sarebbe parso strano vedere i due protagonisti cavalcare felici verso il tramonto. Ma non ho mai considerato quel romanzo un 'rosa'. Come sempre, complimenti per il tuo articolo. Miriam Formenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teresa Siciliano1 aprile 2015 07:37

      Effettivamente, Miriam, all'inizio la collana dei Romanzi non aveva una fisionomia decisa. Ci furono altri romanzi con finale tragico. Rammento ancora Il Navajo solo perché si trattava di una saga su due generazioni che entrambe avevano esito drammatico, in un caso anche ripugnante. Ciò non toglie che il libro era senza dubbio di buona qualità.

      Elimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.
L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.
L'autore del sito non ha alcuna responsabilità per le segnalazioni riportate nei commenti e per i loro contenuti. Ciascun commento o post inserito vincola l'autore dello stesso ad ogni eventuale responsabilità civile e penale.