L'Angolo di Matesi: "IL PUNTO DI VISTA DEI RECENSORI"



I recensori sono obiettivi? Dove finisce il gusto personale e inizia l'irragionevolezza?
Scoprite cosa ne pensa Teresa Siciliano nel nuovo articolo "Il punto di vista dei recensori"!


Nei gruppi facebook rosa si fa un gran parlare di recensioni: quelle che non escono, quelle a cinque stelle finte o forse addirittura comprate (anche se io non sono sicura che in Italia si tratti di un fenomeno davvero esistente e rilevante) e soprattutto le stroncature che per lo più vengono considerate frutto di invidia e malvagità. Del resto, almeno in Italia, è diffusa l’idea che perfino i critici letterari di professione siano scrittori mancati (e frustrati). Non so con quanto fondamento. Diciamo comunque che perfino loro, a volte, sbagliano clamorosamente.
Per il rosa probabilmente sono le blogger l’equivalente dei critici letterari di professione. L’unica differenza, ma basilare, è che per loro non si tratta di un lavoro, ma di un’attività gratuita di volontariato, cui sono spinte dal grande amore per la letteratura al femminile. Quindi assomigliano molto alle lettrici normali, per capacità di entusiasmo, ma certo sono nel settore molto competenti. Soprattutto perché leggono tantissimo.
Il grosso difetto di molte lettrici che intervengono nei blog e su Amazon è una certa tendenza alla polemica e all’insulto, anche pesante, mentre si tratta di luoghi dedicati allo scambio di pareri, anche divergenti, e alla discussione letteraria, e quindi civile.
 È vero che alcune lettrici, protette dall’anonimato (naturalmente sempre consigliato su internet dagli esperti per ragioni di sicurezza), si lasciano andare a volte a pareri umorali, non motivati o addirittura logicamente contraddittori.
Per esempio, su Sei giorni di Elinor Glyn, grande intellettuale rosa americana del primo Novecento, una persona che attualmente si firma "life 69" afferma “non ha senso. penso che la scrittrice debba dedicarsi ad altro....nella vita ci sono tanti mestieri forse e' IL CASO CHE SI DEDICHI AD ALTRO. Elinor Glyn per me e' bandita............forse la commessa e' il suo mestiere” (ho riportato il giudizio esattamente come è pubblicato su Amazon). Lei stessa, o un’altra persona, aveva pubblicato la stessa recensione, al momento non più presente sul sito, a proposito di Quel certo non so che, sempre della Glyn, sempre con l’invito a fare la commessa. Invito non solo insultante verso tutte le commesse d’Italia (il cui lavoro non è facile e richiede grande competenza, tanto che attualmente sta prevalendo l’anglismo Personal Shopper), ma che dimostrava l’incapacità di andare su Google a cercare informazioni. Cosa che avrebbe permesso alla lettrice di scoprire l’importanza della Glyn per la letteratura di genere e il cinema hollywoodiano dell’epoca, nonché il fatto che è morta settant’anni fa. E quindi comunque non potrebbe fare la commessa.
Parimenti una Daniela, a proposito del bel romanzo della Gianinetto Qui per te, scrive (faccio sempre copia/incolla): “il libro parte molto bene all'inizio mi sembrava una storia d'amore carina per poi scoprire che non è altro che un 50 sfumature, senza tante scene erotiche (che fin qui va anche bene), molto corto l'ho letto in poco più di 2 ore e la trama è quasi identica a libro sopra citata se ci aggiungi che lo anche pagato.......sconsigliato a chi ha già letto la trilogia.”
Identico alle Cinquanta sfumature?! La cosa più divertente è che io ci sono cascata e, non amando il sadomaso, ho evitato di comprare il romanzo, finché una benemerita promozione a prezzo stracciato mi ha indotto ad andare a vedere come la Gianinetto, autrice che stimo moltissimo, avesse rielaborato il tema delle Sfumature. Mica potevo mai immaginare che per Daniela Sfumature era sinonimo di rosa!!!
Oppure guardiamo l’intervento (del 2011, quindi sull’edizione precedente) di Malvasia a proposito de La figlia del matematico della Kinsale, intitolato “Infarcito di luoghi comuni”, dove in una recensione molto lunga e, secondo me, quasi mai adeguatamente motivata, afferma: “Potrei definirlo un Harmony, non fosse che gli Harmony sono brevi”, dove ovviamente il termine viene usato in senso spregiativo. E, dopo un riassunto non sempre adeguato del romanzo, continua: “Il tutto condito da riferimenti ad argomenti di cui l'autrice sa poco o niente ma che ‘fanno figo’, probabilmente illudendosi che di tali argomenti le lettrici sappiano ancor meno e che cadano nell'inganno.” Non sono sicura su quali siano gli argomenti in questione, ma, se ci si riferisce alle condizioni dei malati di mente, o supposti tali, nell’Ottocento, l’autrice è invece documentatissima e basta anche solo un’occhiata a Wikipedia per verificarlo.
Ciò non toglie che Amazon dovrebbe evitare di riunire sotto il titolo di un libro le recensioni su precedenti edizioni: per esempio le lamentele sui numerosi refusi potrebbero essere valide riferite a quell’edizione, mentre la stroncatura della traduzione, che è anche quella attuale, mi pare risibile. Non vorrei che si ritenesse incompetenza linguistica lo splendido sforzo di rendere le difficoltà di espressione, causate dall’ictus. Invece, non sono sicura di cosa si potesse trovare in vendita di cotto in un villaggio del Galles intorno al 1830. 
Anch’io rimasi stupita, però, quando scoprii nel Ventre di Parigi di Zola, che certo risale a decenni dopo, che ai Mercati generali di Parigi si potevano trovare cibi cotti. Non quelli a cui noi siamo ormai abituati, ma avanzi delle tavole dei benestanti, anche un po’ mangiucchiati (puah? Puah!).
Gli esempi che ho fatto mi sembrano significativi. Però bisogna ammettere che differenze anche abissali di valutazione sono frequenti e dipendono dal gusto di ciascuno. Lo si accerta con sicurezza quando si conosce l’identità del recensore. Per esempio Giusy Valenti e io abbiamo espresso di recente giudizi diversi su Nella gioia e nel dolore della Gaffney: Giusy 5 stelle col titolo “Bellissimo giallo/rosa”, io 3 stelle con titolo “Un romanzo sconcertante”. Due giudizi entrambi ben motivati, mi pare, ma quasi totalmente divergenti. Qui bisogna rassegnarsi e accettare con garbo che su un romanzo si possono esprimere opinioni perfino opposte, senza però fare a pugni con Aristotele.

Gli infortuni di una recensitrice (o “recensora”)
Scrivo recensioni sul sito Harlequin e poi quasi solo su quello dei Romanzi Mondadori da circa dieci anni. Nel corso del tempo ho discusso (va bene, un po’ litigato) con tutte le scrittrici italiane storiche di quelle collane. Litigato piuttosto appassionatamente e tanto più quanto più le amavo e le ammiravo.
La prima fu Mariangela Camocardi con cui l’oggetto del contendere fu Il talismano della dea, bestseller apprezzatissimo, su cui io invece (non per niente mi definisco bastian contraria) espressi il seguente giudizio: “Romanzo d’appendice all’italiana, tipo Carolina Invernizio, prolisso, con una prima parte, secondo me, troppo lunga e deludente. Il formato da 400 pagine non si addice alla Camocardi, che in passato ha scritto di molto meglio. Mi spiace di essere in disaccordo con tutte le altre lettrici. Forse dovrei semplicemente smettere di leggere questa collana.” Se non sbaglio, era il 2009 e non posso descrivervi adeguatamente il putiferio che ne derivò sul sito Harlequin, uno di quei “linciaggi” online, cui ormai siamo abituati su facebook, ma che allora erano una novità, almeno per me. E ciò nonostante io mi affannassi a ripetere che ero una fan della scrittrice fin da Nina del Tricolore e che era la prima volta, la prima, che non apprezzavo un suo romanzo. Fu tutto vano.
Con la scrittrice facemmo pace definitivamente con Chi voglio sei tu nel 2011 e con il bellissimo Un segreto fra noi, ma tornammo a discutere (in modo più pacato) con E poi arrivi tu, il terzo della serie sulle sciantose, dove quella benedetta scrittrice incrudelì sul mio adorato Denis, riservandogli una punizione spietata. Però la Camocardi mi ha anticipato a Firenze che è in arrivo un quarto volume dove, mi sembra di capire, perdonerà e salverà il personaggio. E si farà perdonare da me (e anche da qualche altra).
Nel corso degli anni ho discusso con tutte le scrittrici italiane: con la Albanese, la Ciuffi, la Formenti, la Masella,  la Melville, la Picasso e, in qualche misura, perfino con una delle giovani, Lorena Bianchi alias Angela White. Al momento è ancora sfuggita la Kent, ma non dispero per l’avvenire.
Il fenomeno dipende dalla mia maledetta sincerità, per cui non scrivo mai recensioni diplomatiche, e tantomeno menzognere, e dal fatto che i miei interventi possono essere davvero taglienti nei confronti delle autrici che amo di più, e da cui quindi mi aspetto sempre il massimo. Non parliamo poi del fatto che leggo con grande velocità e quindi sono capace di stroncare un romanzo nel giorno stesso dell’uscita. Con l’esperienza ho imparato a pensarci un po’ su, ma non posso dire che le cose siano molto migliorate. Anche perché a nessuno, me compresa, piace essere criticato.
Comunque, care scrittrici, quando mi vorreste mandare all’inferno, pensate che sono ancora lì sul divano a tormentarmi e mi si sono anche intrecciate le dita! 


Se ti è piaciuto questo articolo clicca g+1

Commenta il post per farci sapere la tua opinione!

15 commenti:

  1. Per me si dovrebbe fare un netto distinguo fra recensione e commento. Io posso tranquillamente commentare, ma sono troppo umorale e molto spesso incompetente per dare una valutazione degna. Credo che la qualifica di recensore top su Amazon operi in tal senso, infatti oltre al numero delle recensioni viene valutato il feedback nei confronti del recensore: ho notato che vi è sempre competenza.

    RispondiElimina
  2. Complimenti per l'articolo :) Dal mio punto di vista di autrice hai mostrato una cosa importante: le critiche negative che fanno più male sono quelle (riportate nei tuoi primi esempi) che poggiano su basi assurde o inesistenti. Se leggi un rosa e lo critichi in quanto tale, forse sei tu, lettore, che hai sbagliato l'acquisto ;) E gli insulti e le offese, in quel caso si tratta di pura cafonaggine. Non prendo neanche in considerazione quei casi in cui un'opera viene criticata o valutata male per mettere in cattiva luce un'autrice (sono casi forse rari, ma esistono su tutte le piattaforme), quelle non sono recensioni ma dispetti.
    Per il resto, il lettore ha sempre ragione: è la sua opinione, e va da sé che un romanzo possa incontrare opinioni diverse, anche divergenti. Un autore deve essere consapevole del fatto che, "pubblicando", si espone al "pubblico" giudizio. Si lancia senza il paracadute, insomma. Paura! ;) Ma è proprio questa paura, in fondo, che ci spinge a fare bene, a (cercare di) fare sempre meglio.

    RispondiElimina
  3. Un articolo interessante, ironico, e carico di verità.

    RispondiElimina
  4. Davvero un bellissimo post!!!! Io non sono una critica esperta, nemmeno un scrittrice mancata, mi definisco una semplice lettrice che ha amato i libri fin da piccola. Ora recensisco solo sul mio blog i libri che leggo , più che scrivere una recensione, ne parlo come se parlassi all'amica di lettura che non ho mai avuto nella mia vita. Ben venga che ci sono persone che dello stesso libro ne parlano bene oppure lo criticano un po' . E' bello come un libro possa far suscitare emozioni diversi!

    RispondiElimina
  5. Sono decisamente d'accordo con quanto ha scritto Monica Lombardi e purtroppo di commenti che si basano su basi assurde, come quelli riportati da Teresa, se ne leggono un sacco. Non c'è che da rassegnarsi. Per quanto riguarda le recensioni comprate, di sicuro non è un fenomeno presente fra le autrici professioniste. Il discorso cambia se si parla di esordienti che si autopubblicano. Su facebook ho letto una marea di annunci in cui l'autrice prometteva carte d'acquisto su amazon, in cambio di una recensione (il fatto che debba essere positiva è sottinteso). Dalle mie parti questo significa comprarsele.

    RispondiElimina
  6. Come sempre molto chiaro, bello e sopratutto molto condivisibile l'articolo di Matesi. Brava.

    RispondiElimina
  7. Così "maledettamente sincera" da essere una delle autrici di recensioni più attendibili in circolazione, di cui aspettiamo tutte il responso con il fiato sospeso. Per fortuna che c'è Matesi!

    RispondiElimina
  8. Teresa Siciliano21 aprile 2015 13:48

    Grazie a tutte.

    RispondiElimina
  9. Vero, Mara! Anch'io spesso vado a leggere le recensioni di Matesi, se voglio farmi un'idea su un romanzo. Poi non è detto che la pensiamo allo stesso modo, ma almeno sono sicura che la sua è un'opinione sincera e priva di condizionamenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teresa Siciliano21 aprile 2015 20:13

      Cara Laura, non sempre le mie sono recensioni. Spesso sono semplici opinioni, forse perché il libro non mi ha preso abbastanza da fare un'analisi vera e propria. Recensioni e opinioni sono sempre condizionati dai miei gusti personali e dalle mie convinzioni morali.

      Elimina
  10. Ciao Matesi,
    non ho mai discusso con te. Ho come regola di comportamento di non discutere mai con le lettrici, ma ringraziarle sempre per la loro attenzione, a prescindere da eventuali critiche.
    Un caro saluto al blog Insaziabili Letture e alle sue lettrici.
    Angela White

    RispondiElimina
  11. Spero di non ripetermi, perché il commento che avevo fatto è scomparso!

    Io detesto le critiche, che siano costruttive o no. In ogni caso sono coltellate nel cuore pulsante delle mie creature. Un tempo non ci dormivo, adesso ho imparato a conviverci. Quelle che fanno più male sono proprio quelle ragionate, argomentate, perché pongono il dubbio di essere più vicine alla verità. Quelle insultanti, sprezzanti, mi scorrono addosso. Sono abbastanza immodesta da non permettere che un commento mi faccia venire dei dubbi sulle mie capacità. Il peggiore di tutti? Lo ricordo ancora: 'Lo stile narrativo della Ciuffi è gravemente carente'. Per un momento mi si è aperto un buco nero davanti, che ha rischiato di inghiottirmi. Poi l'ho cancellato dalla mente. Non è che non rispetti le opinioni delle lettrici, ma questo è il tipico lavoro in cui bisogna innanzi tutto avere fiducia nel proprio giudizio, altrimenti si finisce per correre dietro ai gusti di tutti e perdere la strada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teresa Siciliano21 aprile 2015 20:07

      Cara Roberta, di poche cose sono sicura come delle tue capacità narrative.

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Come Roberta ammetto che certe recensioni fanno sanguinare il cuore di un'autrice. Però ho imparato a distinguere quelle "oneste" da quelle lasciate da chi intende unicamente denigrare e sminuire i meriti professionali altrui, consapevole di non possedere abbastanza talento per competere alla pari e con la lealtà indispensabili. A queste killer di libri altrui rispondo personalmente: 30 anni di mestiere credo che mi autorizzino a farlo.
    Io con Teresa ho un rapporto di stima e amicizia consolidati e se capita che un mio romanzo le riesca meno gradito di altri, lo accetto. De gustibus non est disputandum.

    RispondiElimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.
L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.
L'autore del sito non ha alcuna responsabilità per le segnalazioni riportate nei commenti e per i loro contenuti. Ciascun commento o post inserito vincola l'autore dello stesso ad ogni eventuale responsabilità civile e penale.