L'Angolo di Matesi: "PERCHÉ UN ITALIANO DEVE LEGGERE E RILEGGERE I PROMESSI SPOSI"





Perché bisgna RI-leggere "I promessi sposi" di Alessandro Manzoni? Ce lo spiega Teresa Siciliano nel suo nuovo, bellissimo articolo!


Tutti a scuola abbiamo studiato I promessi sposi. In genere più di una volta. A volte addirittura tre. Non so quanti l’abbiano amato. Potrei tranquillamente azzardarmi a dire: quasi nessuno.
Del resto, come si fa ad amare un romanzo che si legge a spizzichi e bocconi per un intero anno scolastico, su cui si viene interrogati (e magari si prendono votacci) e su cui bisogna scrivere un’infinità di riassunti, confronti di personaggi, temi sulle questioni più importanti? Penso che nessun autore potrebbe sopravvivere a questo trattamento.
Eppure non c’è nella nostra letteratura un’opera che ci rappresenti meglio, nei nostri pregi e soprattutto nei nostri difetti.
Manzoni scrisse il romanzo sostanzialmente fra il 1821 e il 1827, cioè dopo aver letto Ivanhoe di Scott e prima di tutti i grandi romanzi ottocenteschi. Lo scrisse in polemica con la cultura controriformista e in continuità con l’illuminismo, di cui era in qualche misura erede: non per niente suo nonno era Cesare Beccaria e frequentavano la sua casa i Verri, anzi suo padre biologico era proprio Giovanni Verri, fratello di Pietro e Alessandro. Basta vedere i brani sulla carestia e soprattutto sulla peste.
Come è tipico dei veri romanzi storici, un po’ si vuole ricostruire la società lombarda del seicento, un po’ probabilmente si allude all’epoca contemporanea, nonostante allora la dominazione straniera fosse incarnata non dalla Spagna, ma dall’Austria, paese ovviamente molto più avanzato e moderno.
La cosa più interessante (o più terribile) è che la Lombardia manzoniana si identifica ancora con l’Italia di oggi. Quali sono i punti in comune?
Innanzitutto manca la coesione e la società è un insieme di lobby, diremmo oggi, in perpetuo conflitto/equilibrio fra loro. Il potere politico pensa esclusivamente al proprio interesse senza nessun pensiero per il bene del popolo ed è caratterizzato da inefficienza e corruzione. Non esiste giustizia, o meglio la giustizia sta sempre dalla parte dei potenti. Ognuno fa riferimento al corpo sociale di cui fa parte (don Abbondio ad esempio si è fatto prete per “procacciarsi di che vivere con qualche agio e mettersi in una classe riverita e forte”). I nobili fanno affidamento sulle loro parentele e clientele e si circondano di un folto gruppo di delinquenti, i cosiddetti “bravi”, per difendersi da qualunque attacco e per spadroneggiare su tutto il resto della popolazione.
La Chiesa ha due facce. Da una parte è quella della Controriforma: bada solo alle apparenze e quindi può succedere che il principe padre di Gertrude e la badessa del convento di Monza possano stringere un’alleanza per costringere la ragazza a farsi suora, pur ben sapendo che ciò comporta la scomunica. Dall’altra comprende persone come il cardinal Borromeo e fra Cristoforo, che si battono per il bene.
A tutto quello che lo Stato non riesce a fare sopperisce la parte migliore del clero: per esempio durante la carestia e soprattutto durante la peste. E chi pensa oggi ai poveri delle nostre città, se non la Caritas, sia pure con un aiuto economico da parte dei comuni?
Agli uomini di Dio che intendono così la religione Manzoni affida il compito di pensare alle necessità del popolo e insieme tenerlo quieto, in attesa che la parte migliore della borghesia modernizzi lo Stato e lo renda più egualitario. E ciò perché sulla base del fallimento, secondo lui, della rivoluzione francese è intimamente contrario ad ogni uso della violenza in politica: basta osservare la severità con cui guarda ai promotori e partecipanti dei tumulti nel giorno di S. Martino.
La moderazione di Manzoni non è mai conservazione. Il suo Dio è il dio giansenista, severo ma capace di scrutare fino in fondo ai cuori e pesare le diverse responsabilità.
Ad esempio, nel descrivere in che modo l’educazione nel convento spinge Gertrude verso il chiostro, scrive: “Non che tutte le monache fossero congiurate a tirar la poverina nel laccio; ce n’eran molte delle semplici e lontane da ogni intrigo, alle quali il pensiero di sacrificare una figlia a mire interessate avrebbe fatto ribrezzo; ma queste, tutte attente alle loro occupazioni particolari, parte non s’accorgevan bene di tutti que’ maneggi, parte non distinguevano quanto vi fosse di cattivo, parte s’astenevano dal farvi sopra esame, parte stavano zitte, per non fare scandoli inutili. Qualcheduna anche, rammentandosi d’essere stata, con simili arti, condotta a quello di cui s’era pentita poi, sentiva compassione della povera innocentina, e si sfogava col farle carezze tenere e malinconiche”. Accanto alla netta condanna delle monache ‘politiche’ (e dell’istituzione), c’è spazio per distinguere le varie responsabilità personali.
Forse ora sarà chiaro perché Manzoni, nonostante il suo rigore morale, non è mai piaciuto molto ai cattolici, che potremmo definire integralisti: lo scrittore che in un solo romanzo aveva inserito un parroco vigliacco, un frate assassino e una monaca… (avete capito), poteva mai essere da loro approvato?
Davanti alla domanda “perché il male” Manzoni non sa rispondere: per questo, secondo me, è improprio definire I promessi sposi l’epopea della Provvidenza: Dio certo esiste e certo volge tutto al bene, ma in modi e forme che noi non comprendiamo. La peste porta via don Rodrigo, ma anche fra Cristoforo. Renzo e Lucia si sposano e vivono felici, ma i guai, magari più piccoli, continueranno a tormentarli. Donde la conclusione lieta, ma senza idillio, come la definisce Raimondi.
Eppure per Manzoni il cattolico non deve mai arrendersi, deve sempre diffondere il bene intorno a sé. Ecco perché ai suoi occhi l’incontro fra l’uomo buono e quello cattivo fa sempre prevalere quello buono, magari non subito, magari non del tutto, ma sempre. Fra Cristoforo fa convertire in qualche modo il fratello dell’uomo che ha ucciso. L’incontro con don Rodrigo sul momento sembra addirittura peggiorare le cose, ma don Rodrigo si ricorderà di lui quando si ammalerà di peste e forse sarà l’inizio di un cammino di conversione. Lucia DEVE passare dal castello dell’innominato per dargli la spinta decisiva verso un cambiamento totale di vita. Ma l’innominato è un nobile di antica stirpe (secondo Manzoni, un Visconti) e quindi solo un altro nobile, ma di vita santa, potrà poi indicargli la via da seguire. Questo è il realismo dello scrittore.
Se fate un confronto con  Stevenson, vedrete che siamo agli antipodi: nel Dottor Jekyll e Mister Hyde, ma anche in altre opere di quello scrittore, è il male a prevalere sul bene. Senza scampo. Forse perché ormai siamo vicini al Novecento e molte illusioni stanno cadendo. Forse perché semplicemente si tratta di due concezioni della vita profondamente diverse.

Se ti è piaciuto questo articolo clicca g+1

Commenta il post per farci sapere la tua opinione!

5 commenti:

  1. Ho riletto (ma sarebbe più opportuno dire: letto, vista la tua giusta osservazione sui metodi di lettura scolastici) i Promessi Sposi a Londra, in crisi acuta di nostalgia nazionalistica. Devo dire che la lontananza serve almeno a questo: nello stesso periodo ho letto anche l'Orlando Furioso, divertendomi come una matta, imparandone a memoria dei pezzi e chiedendomi come mai non avessi notato quanto fosse divertente, al liceo. I Promessi Sposi (purtroppo senza fare nessuna delle tue considerazioni, Teresa!) me li sono goduti come un bel romanzone ottocentesco, pieno di colpi di scena e momenti di analisi - psicologica dei personaggi e sociale delle situazioni. Dovrebbe essere il modo in cui andrebbero letti i testi a scuola, tutto d'un fiato, ma temo che niente potrebbe averla vinta contro la noia della lettura obbligatoria.

    RispondiElimina
  2. Teresa Siciliano28 aprile 2015 12:06

    Quando insegnavo al biennio, io avevo rivoluzionato la lettura di Manzoni. Il romanzo era la lettura casalinga del primo mese (poi una di quelle estive). A scuola si partiva quando gli alunni lo avevano letto tutto, si commentava e discuteva per temi. Tutto solo orale. Niente riassunti, commenti, ritratti scritti. Il numero di quelli che gradi vano davvero il romanzo aumentò a dismisura.

    RispondiElimina
  3. Teresa Siciliano28 aprile 2015 14:05

    Gradivano

    RispondiElimina
  4. Pochi anni fa ho riletto Guerra e Pace, con molto piacere. Dopo il tuo articolo, Teresa, rileggerò I promessi Sposi e credo che lo gusterò molto di più. Ricordo ancora una domanda all'esame di maturità: Carneade, chi era costui? Che angoscia!
    Un caro saluto Paola Picasso

    RispondiElimina
  5. Teresa Siciliano2 maggio 2015 19:40

    Grazie Paola

    RispondiElimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse.
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
Alcune immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, è sufficiente comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimosse - See more at: http://www.comenonpagare.com/condizioni-duso/#sthash.Y3EQJmde.dpuf
I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.
L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.
L'autore del sito non ha alcuna responsabilità per le segnalazioni riportate nei commenti e per i loro contenuti. Ciascun commento o post inserito vincola l'autore dello stesso ad ogni eventuale responsabilità civile e penale.