giovedì 22 ottobre 2015

Recensione: "IL TEMPO NON CONTA" di Anna Loveangel





Genere: Romance Contemporaneo
Editore: Createspace Indipendent Publishplatform
Pagine: 248
Prezzo Ebook: 1,49€
Uscita: 28 Maggio 2015









Sinossi

Quando un sentimento è forte il tempo non può distruggere… 
Quando il cuore batte in quel modo, e i ricordi sono vividi come l’esatto istante in cui sono vissuti… il tempo può solo aiutare… 
Aurora non sa ancora cosa le aspetta, tanti sono i cambiamenti che dovrà affrontare, ma a Glasgow ci sono i veri sentimenti, la famiglia e gli amici. Tra questi un amico importante e la loro storia finita nel silenzio. I segreti li hanno tenuti lontani e saranno quelli che forse li riavvicineranno. Perché due cuori uniti fin dall’infanzia non possono separarsi, perché le promesse vanno sempre mantenute e Darren ne ha tutte le intenzioni. Tra kilt, passione e amici un po’ folli… I DaRory avranno forse la loro chance. Ma c’è sempre il presente che può ostacolarli. Quale sarà la scelta finale? Il presente con tanti punti interrogativi? O il passato che vuole divenire futuro. Darren e Aurora troveranno il loro percorso? Riusciranno a uscire da quel labirinto invisibile? 
Strappami il cuore e portalo via con te, così quando sarò via saprai che non lo donerò più a nessun altro. Prendi la mia anima, accarezzala, stringila e rendila tua. Io sono tua. Solo tua… 
Questo è il primo libro della serie: “Amore in Kilt”. Ogni romanzo auto conclusivo porta con sé un pezzo degli altri personaggi; Il tutto condito da amore, kilt e la bellissima Scozia. 



Cosa rende così affascinate Darren, il protagonista del libro? Certo è un attore, ha viso e fisico mozzafiato, ma è il suo indossare il kilt con orgoglio - ovviamente alla maniera tradizionale, senza biancheria sotto! - e con gli immancabili anfibi, che lo rende diverso dal solito bellone! Sì, perché diciamolo: l’uomo in kilt ha il suo fascino. Non sono mai stata in Scozia ma mi ha sempre affascinato per i paesaggi mozzafiato a picco sul mare nelle Highlands, i ruderi di castelli che nascondo chissà quali misteri e fantasmi, e ovviamente gli uomini che osano portare con orgoglio questo capo d’abbigliamento sopravvissuto nei secoli. Partendo dallo spunto del kilt, che potrebbe far pensare al solito romanzo storico ambientato in secoli a noi lontani, l’autrice ha invece creato una storia d’amore contemporanea.
Darren tiene molto al suo aspetto esteriore vista la carriera che ha scelto di intraprendere, e i doni ricevuti dalla natura gli assicurano sempre molte attenzioni femminili. Ama trascorrere il suo tempo tra il suo lavoro e i pochi fidati amici, frequentando con loro un pub, di proprietà dell’amico Colin, dove i camerieri hanno come divisa il kilt e dove le donne che entrano sole non escono mai senza compagnia maschile…
Darren cambia donna ogni giorno, fugge da un qualsiasi rapporto serio perché il suo cuore è stato ferito e calpestato dalla sua migliore amica Aurora - per lui solo è Rory - che è sparita anni prima e l’ha abbandonato senza una parola.
Aurora, dolce e angelica, una visione eterea e bionda, costretta alla fuga a causa di un grave disturbo alimentare, ha deciso di allontanarsi da tutte le persone a lei care per curarsi. Ora è guarita, ha imparato ad amarsi per quella che è, ma è ancora fragile e in più è sposata col fratello del medico che l’ha avuta in cura, rimastole vicino durante la guarigione. Un uomo che in fondo non ha mai amato, che non la ama, ma che le ha dato la piccola Marisol, sua figlia. Dopo aver scoperto il tradimento del marito, decide di tornare a casa nella sua Scozia, ma è terrorizzata dall’idea di incontrare di nuovo Darren. Sa benissimo di essere stata una codarda a scappare e allontanarlo, ma non si è mai data pace di questo e non ha mai smesso di pensare a lui… vorrebbe tanto chiedere scusa al suo Dare.
Una volta ritrovatisi - come recita giustamente il titolo - il tempo non conta per loro, e tra incomprensioni, litigi, riappacificazioni, i due si rendono conto che tra loro non c’è solo l’amicizia ma qualcosa di molto più profondo.
Purtroppo però essendo due persone molto testarde nessuno dei due riesce a essere sincero fino in fondo. Aurora prende spesso e volentieri la scusa del crescere una bambina da sola come via di fuga, e Darren è terrorizzato dall’impegno con una sola donna per tutta la vita. Girano l’uno intorno all’altro e non riescono a fermarsi, spegnere il loro turbinoso cervello sempre volto a pensare il peggio invece di parlarsi. Sarei voluta entrare nel libro e prenderli a “capocciate”entrambi!
In genere non sono fan delle storie strappalacrime, ma lo stile dell’autrice è intrigante: quando tutto sembra ormai arrivato al capolinea, lei cambia le carte in tavola! Aggiungendo un tocco di suspense mi ha tenuto incollata fino alla fine. L’uso della terza persona per la narrazione è arricchito in alcuni punti del libro dai pensieri dei due protagonisti in prima persona, andando così ad enfatizzare quello che realmente si cela nel loro cuore e che sentono l’uno per l’altro. Le sue protagoniste femminili in genere rappresentano molto la realtà, non il solito stereotipo della donna filiforme e supermodella! Donne reali, coi piedi per terra, con cui riesco ad entrare in sintonia fin dall’inizio. Gli uomini invece rappresentano il classico maschio alfa con un cuore molto tenero, sotto il kilt! Molto piccanti le scene di sesso, all’inizio appena abbozzate per poi diventare un’esplosione di sensi e sentimenti in cui tutto e lecito!

Il libro si conclude con un piccolo assaggio della coppia che sarà protagonista del prossimo volume, che spero non tarderà a vedere la luce. Una richiesta personale ad Anna: mi dai l’indirizzo completo del Pub di Colin, please?!




 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...