martedì 20 ottobre 2015

Recensione: "MIO" di Mary Calmes.






Traduttore:  Livin Deverel
Genere: M/M, Contemporaneo
Editore: Dreamspinner Press
Pagine: 273
Uscita: 06 Ottobre  2015





Sinossi:
Trevan Bean ha un lavoro che da illegale sta diventando spaventoso, un ragazzo che potrebbe non essere sano di mente, un angelo custode che in realtà potrebbe essere l’incarnazione del male. A questo si aggiunge la ricomparsa della famiglia che aveva allontanato il suo ragazzo, minacce di morte, un rapimento e il tentativo di mettere soldi da parte per realizzare un sogno. Trevan ha davvero molte gatte da pelare, ma si sente all’altezza della sfida: ha promesso a Landry un lieto fine e Landry lo avrà, sempre che qualcuno non lo uccida!
E potrebbe accadere.
Landry Carter era una bambola rotta quando si erano conosciuti due anni prima, ma è diventato un compagno in grado di stare accanto a Trevan… almeno per la maggior parte del tempo. Ora che la vita di Trevan ha preso una piega spaventosa – e Landry viene rapito – Trevan deve continuare a sperare che l’amore di Landry rimanga saldo di fronte a questa nuova sfida, perché non ci sarà lieto fine se Trevan dovrà proseguire da solo.




Da quello che avevo letto dalla trama di questo libro, non sapevo esattamente cosa aspettarmi: illegalità, angeli custodi, problemi mentali... la trama nebulosa per me, ma già dalle prime battute il libro mi ha rapita!
Lo stile dell'autrice ormai mi è ben noto, ho letto tutte le sue serie pubblicate in italiano e anche il racconto in inglese gratuito uscito ad agosto (Piece of Cake,  facente parte della serie Una questione di tempo) e mi aspettavo due protagonisti tosti e bellissimi, e così è stato!
Di solito le trame dell'autrice sono tacciate di prevedibilità, visti i cliché che utilizza per caratterizzare sia psicologicamente sia fisicamente i suoi protagonisti: l'alfa sempre troppo dominante con corporatura imponente, la controparte sempre fisicamente irresistibile, più minuta e fonte inesauribile di guai, nei quali fa ricadere entrambi per sua volontà o semplicemente perché si trova nel posto sbagliato o al momento sbagliato. Per me non è un problema, anzi i personaggi sono sempre uno più irresistibile dell'altro e per me questo è il suo marchio di fabbrica!
Quindi preparatevi a incontrare Trevan e Landry!
Landry è la parte combina guai, ovviamente! È alto un metro e novanta, muscoloso ma longilineo, ha capelli biondo scuro che non stanno mai a posto, ma sono i suoi occhi che attraggono e ti catturano quando ti guardano: grandi espressivi, due sfere verde-blu. Ha un aspetto lascivo e irresistibile che attira uomini e donne, ma lui non vede altro che il suo Trevan.
Trevan al contrario è un mix di razze, sua madre è cubana e il padre era afroamericano: carnagione tendente al color caramello brunito, occhi scuri, capelli rasati, fisico muscoloso ma non “pompato” che lo aiuta anche nel suo lavoro di “esattore” di scommesse, così come lo aiuta il suo sguardo profondo e intimidatorio, da vero dominatore.
Trevan non ha occhi che per il suo Landry e non ha ancora capito se il desiderio che appartenga solo a lui sia una cosa sana o sia un comportamento malato.
A differenza degli altri libri dell'autrice in cui la coppia si è appena conosciuta, qui abbiamo una storia che è già collaudata, i ragazzi stanno insieme e convivono da due anni. Trev è la voce narrante della vicenda, è lui che ci racconta il flash back del loro primo incontro, la nascita del loro amore, i retroscena della loro vita insieme, di come i due soddisfino i reciproci bisogni, e anche il mondo non molto legale nel quale lui lavora, e ci presenta i personaggi che ruotano loro intorno.
Un personaggio secondario su tutti spicca di più: Conrad, il misterioso angelo custode di Trev e temutissimo killer su commissione. Avrei voluto che l'autrice sviluppasse di più questo personaggio perché molto intrigante, con un codice d'onore tutto suo e molto legato a Trev.
Il passato di Landry tornerà a bussare alla porta dei due ragazzi e Trev avrà modo di risolvere i misteri che girano intorno al suo bellissimo ragazzo e di mettere in discussione il proprio stile di vita e anche la propria sanità mentale: crede, infatti, che la sua mania di tenere sotto controllo Landry sia più negativa delle crisi di gelosia maniacale del ragazzo.
Trev ripete spesso a Landry che lui gli appartiene e per darvi un idea della sua possessività vi ripeto quanto lui gli dice già al primo incontro: “Tu sei l'unica luce, tu sei la mia luce, e sarai solo mio”. Questo è tutto ciò di cui ha bisogno Landry a causa della sua estrema necessità di sentirsi voluto e amato da qualcuno. La trama score veloce, non ci sono tempi morti, le scene sensuali abbondano, e devo dire che pur non essendo io un'estimatrice dei romanzi con protagonisti che vivono al limite della legalità, questo mi è piaciuto.
La parte suspense non è male, l'autrice ama farcire i suoi libri con rapimenti, segreti di famiglia e sparatorie!
Come avrete ben capito consiglio il libro. Non raggiunge il voto massimo come le sue serie più famose, delle quali sto aspettando con trepidazione i prossimi capitoli, ma se siete estimatori di Mary non lasciatevi sfuggire questa uscita!








Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...