mercoledì 10 febbraio 2016

L'Angolo di Matesi: "QUALCHE QUESTIONCELLA LINGUISTICA".




La punteggiatura nei romanzi rosa sta cambiando. Nuove regole o errori?
Teresa Siciliano affronta questa questione e ci fa alcuni esempi. Voi cosa ne pensate?




http://blog.librimondadori.it/blogs/iromanzi/files/2016/01/PASSIONE_136.jpgDi recente ho notato che è in corso un notevole cambiamento nella punteggiatura dei nostri rosa. Prendiamo in esame un romanzo qualsiasi pubblicato da una casa editrice, ad esempio A lezione d’amore di Meredith Duran (ma lo stesso discorso potrebbe valere per la maggior parte dei romanzi che ho letto ultimamente).
Osservate l’uso della virgola nei seguenti passi:
p.9 “avevano passato le domeniche sera a combinare marachelle in strada, e crescendo si erano raccontate tutto”.
La prima regola che ci è stata insegnata alla scuola elementare (almeno ai miei tempi) è stata che la virgola non va fra soggetto e verbo e neppure prima della congiunzione e. Qui la traduttrice o qualcun altro viola le regole, senza che si capisca il perché, dal momento che si tratta di due semplici proposizioni coordinate.
Lo stesso vale per gli esempi seguenti:
p. 61 “era chiaro che per lei era importante quell’informazione, e lui avrebbe valutato ogni possibile scambio”
p. 61 “Il polso le accelerò, e lei si ritrovò a trattenere il fiato quando un volto apparve al finestrino”.
E qui da tutti i punti di vista sarebbe stato meglio, invece, mettere la virgola prima di quando.
Nessuna giustificazione per i tre esempi seguenti:
p. 71 “Il cuore le saltò in gola, e Nell si alzò in piedi”
p. 71 ”C’è un quadro nella biblioteca di S. Maur, e ti giuro che io ho già visto quel posto.”
p. 72 “Lui è un gran bel pezzo d’uomo, e ti sono grata per averlo convinto a liberarmi.”
p.76 “ma conosceva una mezza dozzina di bei giovanotti, e quando avevano quel sorriso sulle labbra, una ragazza doveva stare attenta”.
https://seieditrice.com/catalogo/files/2009/12/promessi-sposi-big.jpgIn questi casi si scimmiotta probabilmente il linguaggio parlato, che ha bisogno di inserire delle pause, indipendentemente dalle regole, per facilitare la comprensione.
I grammatici (e io penso soprattutto a Serianni) ci insegnano che scritto e orale sono due modi di espressione totalmente diversi: quando si parla, ci si aiuta con il gesto, lo sguardo, l’intonazione e ad esempio è più facile far capire se parliamo sul serio o scherziamo. Quando si scrive, tutto si presta maggiormente all’equivoco. Celebre l’infortunio del primo traduttore inglese dei Promessi sposi, che considerò la definizione “un barbaro che non era privo d’ingegno” come un insulto a Shakespeare, mentre Manzoni faceva dell’ironia nei confronti di Voltaire e in genere dei critici soprattutto settecenteschi del grande drammaturgo.
Per farsi capire, quando si scrive, si deve fare affidamento solo sulle risorse linguistiche. La punteggiatura non deve ricalcare il parlato, ma segmentare la frase in modo da facilitare la comprensione. Quindi le virgole servono a individuare le subordinate all’interno di un periodo e a non far perdere la bussola al lettore.
Naturalmente, in talune occasioni si possono avere particolari esigenze espressive: pensate alla madre di Cecilia: “Portava essa in collo una bambina di forse nov’anni, morta”. Oppure ai celebri anacoluti di Renzo, tipo “I morti bisogna pregare Dio per loro”, che vogliono riprodurre il parlato di una persona incolta.
Ma nelle frasi di sopra non c’è nessun motivo e nessuna giustificazione. E nel libro sono numerosissimi i casi del genere (più di una cinquantina). Lo stesso ho riscontrato di recente in tanti altri romanzi. Almeno quello della Duran ha il pregio di essere avvincente!
Qualcuno potrebbe invocare la sacra libertà dello scrittore, ma, come dice la Mortara Garavelli, “Libertà non significa anarchia. Ignorare le convenzioni d’uso elementari non è motivo onorevole per infrangerle”.
Ovviamente la letteratura sperimentale va per la sua strada e i posteri decideranno (per Joyce hanno detto sì, ma non è che tutti siano Joyce;  e, personalmente, io preferisco la Woolf). Tutti gli altri generi narrativi, secondo me, devono porsi come obiettivo di facilitare la comunicazione immediata.


Se ti è piaciuto questo articolo clicca g+1

Commenta il post per farci sapere la tua opinione!


8 commenti:

  1. Ricordo che quando facevo l'editing per i romance della Delos, a una scrittrice principiante diedi un suggerimento: quando scrivi, non impostare le pause (le virgole) come se stessi recitando. Perché è indubbio che, regola o non regola, se si 'recitano' gli esempi fatti da Teresa si finisce per mettere le pause dove traduttore o editor le hanno messe. Che non è corretto. Ma la pulsione recitativa è forte... :) Per cui non posso essere sicura di essere stata sempre esente da quegli errori.

    RispondiElimina
  2. Da tempo abbondano i ma preceduti da virgola. Si osserva un uso più libero mirato a dare enfasi ad alcuni passaggi. Si osservi inoltre l'uso anglosassone di non unire con e congiunzioni azioni svolte da soggetti diversi. In questi casi gli anglosassoni inseriscono il punto fermo. Esempio: Cappuccetto rosso si diresse lungo il sentiero. E il lupo agitò la zampa per salutarla.

    RispondiElimina
  3. Non ho ancora letto questo articolo ma solo leggendo il titolo mi vengono in mente i temi di scuola che facevo al liceo.
    Ero una ragazza che leggeva tanti romanzi rosa e il mio problema era che essendo influenzata da questo tipo di scrittura, che non sempre è corretta dal punto di vista grammaticale, essa si riperquoteva moltissimo nel mio modo di scrivere; difatti i miei voti erano bassi perché facevo questo tipo di errori e ce ne erano veramente tanti. Per fortuna il mio professore di Italiano essendosi chiaramente accorto dei miei problemi mi aveva esattamente spiegato quali e dove erano le mie lacune grammaticali. Con molta pazienza e con un po' di volontà alla fine sono riuscita a correggerli. Be', spero...credo...vi prego ditemi che non ho fatto errori... Comunque al tema di maturità ho preso 15/15 avendo anche potuto rileggere il tema molte vole, esattamente cinque e avendo a mia disposizione il vocabolario. Insomma mi è andata bene e cionostante ho continuato e continuo tuttora a leggere romanzi rosa ma se voglio migliorarmi nella scrittura non faccio riferimento a quel genere di libri, piuttostoprediligo per il mio personale apprendimento una scrittura più antica e raffinata come lo stile di jane austen che secondo me è perfetto per una ragazza che vorre migliorare la sua scrittura.

    RispondiElimina
  4. Claudio Arnaudo11 febbraio 2016 00:32

    Nel primo esempio di p. 9 le virgole dovrebbero essere messe prima e dopo la parola "crescendo" ma non obbligatoriamente. Ho notato che la tendenza oggi è per la semplificazione della punteggiatura, ma quando si legge ogni tanto si dovrebbe poter respirare..!

    RispondiElimina
  5. Chiedo scusa, nel mio commento ho fatto degli errori di ortografia nelle ultime frasi ma sapete...quando si ha a che fare con delle scrittrici professionisti un po' di ansia c'è e a me capita di fare errori quando sono sotto tensione.

    RispondiElimina
  6. A dire il vero, Bloody Roses, io che traduco romance dall'inglese ne trovo a bizzeffe di frasi in cui gli autori infilano azioni eseguite da soggetti diversi, e in genere unite non solo da 'and' ma da una moltitudine di 'as' e 'while'.

    RispondiElimina
  7. Teresa Siciliano11 febbraio 2016 07:37

    Personalmente metto sempre la virgola prima di ma.

    RispondiElimina
  8. Lo ammetto, quando scrivo recito. Dal momento che non amo le frasi troppo corte, aggiungo molte virgole o punti e virgola. Del resto siamo italiani, non inglesi, e il nostro modo di esprimerci è decisamente più ricco. Molto interessante anche questo articolo, Matesi. Sui tuoi esempi ho fatto veloci esercizi e so che, riguardo almeno un paio di questi, sarei stata incerta o avrei sbagliato.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...