mercoledì 17 febbraio 2016

L'Angolo di Matesi:"LEGGERE ITALIANO O STRANIERO?"





Leggere Italiano o straniero? Perché il nostro mercato è così esterofilo?
Leggete le riflessioni della nostra Teresa Siciliano!



Già Gramsci si rammaricava del fatto che in Italia non esistesse una letteratura popolare e che perciò nelle appendici dei giornali venissero pubblicati vecchi romanzi francesi, attribuendone la responsabilità, mi pare, al ceto intellettuale, discendente dai cortigiani rinascimentali e mai interessato al popolo. Ancora Sapegno nel dopoguerra, facendo il confronto fra Naturalismo e Verismo, sottolineava l’arretratezza culturale verghiana, che rifletteva quella del paese sia da un punto di vista generale che specificamente economico, e le posizioni sostanzialmente conservatrici, se non peggio, almeno dagli anni novanta in poi: mentre Zola si batteva a favore di Dreyfus contro i ceti militari, antisemiti e reazionari, Verga plaudiva a Bava Beccaris e alla sanguinosa repressione dei moti milanesi del 1898, che interpretava come sovversivi e nemici dell’unificazione risorgimentale.
http://www.dietrolequinteonline.it/wp-content/uploads/2015/10/Copertina-del-romanzo-Cangrande.-Paladino-dei-ghibellini-Arpeggio-Libero-Editore-2015.jpgTanti decenni sono passati, ma la situazione non è cambiata. È vero che ormai non siamo più tributari della Francia, bensì soprattutto del mondo anglosassone, ma la sostanza è la stessa.
Particolarmente coinvolto il genere romance sia storico che contemporaneo.
Intendiamoci: non è che io voglia sostenere posizioni, diciamo così, autarchiche. Ricorderete che già nel 1816 madame de Staël accusava giustamente gli intellettuali italiani di arretratezza e li invitava a leggere la contemporanea letteratura europea. Da allora le cose sono perfino peggiorate: i nostri scrittori romantici più importanti, Manzoni e Leopardi, sono pochissimo conosciuti all’estero e forse qualcuno ricorderà che la RAI non è riuscita a vendere in America I promessi sposi di Nocita. Dei grandi scrittori italiani del Novecento mi pare che soltanto Pirandello e Calvino, oltre al solito Il nome della rosa di Eco, abbiano avuto risonanza internazionale. Viviamo appunto, come è stato detto, alla periferia dell’impero e siamo stati pacificamente colonizzati dalla cultura angloamericana. Da questa situazione di fatto bisogna partire.
http://www.elenaemichelamartignoni.com/images/stories/LoSpettroDeiBorgia.jpgD’altra parte, com’è noto, ad esempio le scrittrici di storici spesso preferiscono non far tradurre da noi i loro romanzi ambientati in Italia, perché temono le critiche delle lettrici per le troppe licenze che si prendono con la verità.
Notizie provenienti dalla Mondadori affermano che il pubblico ama le autrici e le ambientazioni soprattutto inglesi, ma in ogni caso non nostrane: chi legge rosa cerca l’evasione dalla realtà quotidiana, si afferma. E le statistiche sulle vendite sembrerebbero confermare il fenomeno.
Ovviamente io non rientro in questa tipologia. Fosse per me, leggerei quasi soltanto romance storici ambientati in Italia. Mi piace che mi vengano ricordate le sfaccettature regionali del nostro Risorgimento o del nostro Rinascimento, continuo a chiedere settecento milanese e adoro il nostro medioevo, ma nell’insieme non trovo poi moltissimi libri. In questo momento sto leggendo il Cangrande della Barbieri e di recente è stato ripubblicato Cuore di lupo della Albanese e Il prigioniero della Masella, ma di solito Mondadori ci porta sempre nell’Inghilterra regency o in Scozia, qualche volta in America. 
http://www.romanticamentefantasy.it/wp-content/uploads/2016/01/profumo-delloro.jpgD’altra parte Lo spettro dei Borgia delle Martignoni e Una rondine nella tempesta della Ciuffi mi pare non abbiano avuto l’attenzione che meritavano e la Castellano ha portato fuori della Leggereditore la pur fortunata saga romana, mentre le nuove leve White e Kent hanno scritto solo romanzi ambientati in Inghilterra, prima del recentissimo Il profumo dell’oro di Lorena Bianchi, passata a Rizzoli con il suo vero nome (occasionalmente o per sempre?).
La cosa più strana per me è che alcune eccellenti scrittrici come Monica Lombardi, fra Mike Summers e il GD Team, ci portano sempre solo sul palcoscenico internazionale, con appena qualche sporadica incursione nella penisola. Lo stesso fa la Giorgi con la serie americana o la Melville con i Tourangeau, anche se per queste due ultime scrittrici non si tratta di  una regola costante.
http://2.bp.blogspot.com/-fAUrX8D3i6g/UwZvRK1Pl3I/AAAAAAAAmxo/uRvijwrb9KI/s1600/UN-SEGRETO-TRA-NOI_cover_big+(2).jpgIo suggerisco spesso: vi ricordate che Hawthorne era in Italia in pieno Risorgimento, nel 1859, se ricordo bene, anche se non si accorse per nulla, pare, di quello che stava succedendo? Per inciso non è che i grandi scrittori siano sempre in grado di capire quello che succede intorno a loro! Ma, tornando a noi, cosa ci sarebbe di male se si scrivessero romanzi su una coppia italo-inglese o italo-americana, o italo-qualche-altra-cosa, che, guarda caso, capitasse da noi in un momento fondamentale per la nostra storia? Un po’ come ha fatto la Camocardi con Un segreto fra noi, dove Emma e Alexander fanno su e giù fra Milano e Vienna. Ma, lo ammetto, per lei è stato più facile.
Intendiamoci: non si tratta di innalzare altri muri alle frontiere. Viviamo nell’era della globalizzazione, che ha, e soprattutto può avere, grandi aspetti positivi. Si tratta solo di importare le opere innovative di maggiore rilievo e non, come si direbbe a Roma, tutta la mondezza che, per ragioni incomprensibili, fa impazzire le lettrici americane. Mi pare, però, che la Mondadori, un tempo leader nella narrativa popolare, stia attraversando un periodo difficile: ha ridotto notevolmente i titoli in uscita, non parliamo poi di quelli italiani, e traduce spesso, non dico sempre, emerite schifezze vecchie come il cucco, per giunta stampandole male, fra incredibili refusi e punteggiatura, diciamo, ballerina.



Se ti è piaciuto questo articolo clicca g+1

Commenta il post per farci sapere la tua opinione!


4 commenti:

  1. hai ragione Teresa!anche a me piacerebbe avere più romanzi storici ambientati nella nostra bella Italia,con il passato ricco di storia,bellezze artistiche e naturali ci sarebbe solo l'imbarazzo della scelta per le trame!io ho amato molto i libri scritti da una scrittrice straniera che ha ambientato i suoi romanzi in italia,parlo della bravissima Jeanne Kalogridis. Forse siamo delle voci fuori dal coro. Adoro tutta la serie dei romani della Castellano e ho apprezzato molto Monica Lombardi. Sembra assurdo che lo dica visto il numero considerevole di pubblicazioni giornaliere(sono iscritta a parecchie news letter libresche che arrivano puntuali un giorno sui e uno anche)ma ci vorrebbe più varietà

    RispondiElimina
  2. E' sempre interessante leggerti, Teresa :)
    Io sono internazionale per formazione e professione, ormai lo sai, la mia scrittura riflette quello che sono. Credo anche che, come un autore ha il diritto di viaggiare nel tempo (e proprio le scrittrici di romance lo fanno spesso), è giusto dargli anche il diritto di viaggiare nello spazio, come fa anche nella vita reale.
    Detto questo, noi autrici italiane possiamo solo ringraziarti per quanto ci leggi e ci recensisci <3
    E sul discorso più generale: come scrivi tu non è questione di voler essere autarchici - io stessa leggo molto in inglese, quindi leggo molto le autrici britanniche e americane. Il punto è un altro: chi arriva dall'estero e viene tradotto in Italia gode di default di una sorta di stima "a priori" - se la traducono, sarà valida. Noi italiane questa stima ce la dobbiamo conquistare, con le unghie e con i denti. Forse perché nessuno spende soldi per tradurci? Non lo so. Se qualcuno ha un'idea in proposito, sarò felice di leggerla. Non credo che c'entri l'effetto "marea del self" degli ultimi due/tre anni, secondo me è un preconcetto che va ben più indietro nel tempo.
    Ben vengano quindi gli articoli come questo, che ricordano ai lettori che la buona letteratura d'intrattenimento (o popolare, come si chiamava un tempo) può avere anche una firma italiana :)
    Buone letture a tutti!

    RispondiElimina
  3. Credo che tu abbia messo il dito nella piaga, Teresa. In Italia la letteratura popolare e di intrattenimento è guardata con sospetto, deve passare attraverso qualche filtro intellettuale per essere accettata. Salvo poi pubblicare i libri firmati (ma non scritti) dal divo tv di turno.
    Anch'io, come Monica, leggo moltissima letteratura anglosassone in originale (romance ma anche thriller) e la mia cultura popolare ( cinema e serie tv e musica) è prettamente anglosassone. Per questo a volte trasferisco le mie storie in America (ma spesso la protagonista è italiana), anche se non è furbo perché si sa che Amazon, ad esempio, cerca storie ambientate in Italia da tradurre per il mercato anglosassone.
    Ma io non faccio molte analisi quando mi metto a scrivere. Scrivo e basta. E poi scrivere di paesi lontani mi piace per due motivi: un po' perché è un viaggio, un po' perché la location diventa un altro protagonista su cui sbizzarrirsi, un motivo di conflitto, anche, tra le due diverse culture da cui provengono i protagonisti. Anche in Un amore di fine secolo (perdona l'auto-citazione) la lei è inglese, il lui è americano, c'è un conflitto culturale fra i due che, onestamente, rende più vivace la trama (certo, come dici tu, la stessa cosa sarebbe tra una milanese o una veneziana e un ufficiale austriaco durante il risorgimento, come in Senso).
    In ogni caso, grazie per l'articolo, come sempre puntuale e interessante e motivo di riflessione.
    Viviana

    RispondiElimina
  4. Il mio amore per la lettura è fresco, ho iniziato da poco. Però mi piace leggere di autori italiani. Ciò che viene tradotto è frutto di una selezione poiché richiede investimenti, ne deve valere la pena. I self italiani invece sono come l'anguria: non sai mai cosa ti capita! Poi ci sono i gusti personali, alcuni sono un piacere leggere, altri meno. Ma io ci provo lo stesso. Viva il made in Italy. Naturalmente non disdegno autori stranieri, ma lì seguo i consigli delle Blogger e la Cover, quella è fondamentale per me.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...