martedì 23 febbraio 2016

Recensione: "COLLISIONE" di Riley Hart.





Genere: M/M
Editore: Triskell Edizioni
Pagine: 223
Prezzo: € 4,99
Uscita:  15 gennaio 2016








Sinossi:

A dieci anni, Noah Jameson e Cooper Bradshaw entrano in collisione a mezz’aria quando si tuffano sulla palla. Per tre anni sono inseparabili… fino a quando un giorno Noah e i suoi genitori spariscono nel bel mezzo della notte.
Noah e Cooper non hanno mai saputo cos’è successo all’uno o all’altro.
Ora, diciassette anni dopo, dopo aver trovato il proprio ragazzo a letto con un altro uomo, Noah torna a Blackcreek in cerca di un nuovo inizio. E lì ritrova il suo vecchio amico cresciuto e sexy da morire.
Cooper non riesce a credere che Noah – l’unica persona a cui aveva confidato il senso di colpa per la morte dei propri genitori – sia tornato. E che sia gay. O che lui si ritrovi improvvisamente a desiderare di avere un uomo nel letto.
Non c’è modo di negare l’attrazione e i sentimenti che ci sono tra loro, ma riusciranno a sconfiggere i fantasmi del passato e a crearsi un futuro insieme?



Primo libro di una serie che sono sicura verrà apprezzato molto dai lettori italiani.
Gli amanti del genere romance contemporaneo non possono lasciarsi sfuggire l'occasione per conoscere Cooper e Noah, i protagonisti di questo libro.
Dopo essere stati amici inseparabili per tre anni, i due sono costretti a separarsi a causa di un trasferimento improvviso della famiglia di Noah, che sembra essere scappata in fretta e furia durante la notte. La causa aleggia per tutto il romanzo, ma verrà svelata solo alla fine, anche se è facilmente intuibile o almeno per me lo è stata.
I due si rivedono dopo diciassette lunghi anni, quasi trentenni, anche se per Cooper non è cambiato molto da quando era un ragazzino sempre a caccia di avventure e guai! Sguardo azzurro limpido su capelli biondo scuro, fisico da infarto e perenne sorriso malandrino, fa cadere ai suoi piedi parecchie donne! È un vigile del fuoco: il suo passato gli  lasciato un segno indelebile e il suo lavoro ne è la diretta conseguenza. E'  refrattario ai legami duraturi in campo affettivo. I suoi punti fermi sono gli zii, che l'anno cresciuto, e il ricordo dell'amicizia con Noah, l'unico che l'ha sempre capito e con cui si è confidato.

Ovviamente Noah era la sua spalla ideale, il suo complice. Anche lui non è cambiato molto da quando era un ragazzino. È ancora una persona solitaria che non si fida di nessuno, molto riflessivo e possessivo, non tollera i tradimenti di alcun genere, specialmente quelli d'amore.
Dopo la fine della sua relazione amorosa, l'unica seria che ha avuto, decide di tornare nell'unico luogo che ha sentito come causa sua e dove spera di ritrovare il vecchio amico Cooper.
Il romanzo è scritto molto bene, alterna i punti di vista dei due ragazzi con molta fluidità rendendo la vicenda scorrevole. Mi sono trovata a rivivere il loro passato doloroso e il difficile cammino che hanno dovuto compiere. Noah è gay e attratto da Cooper, che, etero e sciupa femmine incallito, si trova a dover convivere con il desiderio fisico che prova nei confronti d Noah, del quale è geloso e possessivo come non lo è mai stato per nessuna donna:

«Non ho mai provato una tale gelosia in vita mia,» disse Coop a voce così bassa che si chiese se Noah potesse sentirlo. Immaginò di sì, il che era una buona cosa, perché non se la sentiva di parlare più forte di così. Rivide le mani di Noah intorno alla vita dell’altro uomo mentre lo baciava. Rivide le  sue  unghie  affondargli  nella  pelle  e  il  modo  rude  in  cui  praticamente sbatteva  il  tizio  contro  il  muro.  Non  aveva  dovuto  essere  delicato  con  lui. Era  stato  un  atto  sgraziato  e  primitivo,  e  aveva  mandato  in  frantumi qualsiasi  idea  Cooper  avesse  di  se  stesso,  toccando  delle  corde  che  non sapeva di avere e ravvivando dei sentimenti che voleva dimenticare.”...”«Ieri sera io ti volevo, Noah. Ti. Volevo. Di. Brutto.»... «Diamine,  mi  spaventa  da  morire  il  fatto  che  potrei  ancora  volerti...E  io  non  ho  mai  desiderato  un  uomo  prima d’ora.»

Cooper rifiuta di accettarsi come gay; lui non lo è mai stato, ma lo può essere solo per Noah. Non è il solito romanzo con scornate tra i due protagonisti:Noah è paziente, capisce il tormento di Cooper e, per non rischiare di rovinare la loro amicizia, è disposto a vivere nell'ombra la loro relazione andando contro ai suoi principi. Più di una volta, poi, dà a Cooper una via di fuga:

«Non  so  quale  sia  la  cosa  migliore  da  fare,  amico.  Non  voglio mandare  tutto  a  puttane  e  perdere  la  tua  amicizia,  ma  non  posso  neanche mentire.  Naturale  che  ti  voglio.  Ti  ho  desiderato  come  mai  nessun  altro.  È come  se  dentro  di  me  ardessero  delle  braci  che  non  si  spengono  mai.  Non so  neanche  se  voglio  spegnere».
Pur essendo un romanzo drammatico non è mai pesante. La ricerca dell'equilibrio emotivo e di coppia dei due è costante, ma non noiosa. Non l'ho trovato il solito romanzo del “vorrei ma non posso” e, quando Cooper capisce davvero quello che vuole, state certi che lotterà per averlo:

«Ogni parte di me  ti  chiama.  E,  per  quanto  io  provi  a  respingerti,  tu  chiami  me.  Voglio
toccarti.  È  un  desiderio  così  forte  che  mi  consuma  e  non  so  se  avrò  ancora
la forza di negarlo.»

La figura negativa del romanzo è rappresentata dallo zio bigotto di Cooper. Non aspettatevi lo stereotipo del violento e “picchiatore”: Vernon non è un uomo cattivo, ma non sa trasmettere affetto al ragazzo. L'educazione rigida e quasi anaffettiva con cui l’ha cresciuto nel timore che fosse un debole, ha creato molti problemi di insicurezza in Cooper.
Un uomo all'epoca adulto che  incolpa  Noah, un ragazzino di tredici anni,della sua sofferenza invece che incolpare se stesso.
Nelle ultime battute del romanzo si capisce già chi saranno i protagonisti del secondo capitolo che spero arrivi presto.
Se vi piace una struggente storia d'amore con l'obbligo del lieto fine, questo è di sicuro  il romanzo che fa per voi.
Per me quattro stelle e tre fiammelle per la passione.







Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...