lunedì 29 febbraio 2016

Recensione: "A PASSO DI SALSA" di Fanny Di Natale.


Genere: Romance
Editore: Triskell Edizioni
Collana: Pink
Pagine:
 109
Prezzo: € 3,14 (ebook)
Uscita:  18 dicembre 2015











Sinossi:

Alan Parker, venticinquenne perso in una vita tediosa e rassegnato a non avere sogni, si ritrova catapultato nella vita di Mel, una diciottenne affetta da leucemia che, invece, un sogno ce l’ha.
Il ragazzo si troverà trascinato in un’avventura improbabile nel tentativo di aiutare la giovane a realizzare il suo desiderio.
Tra i due sboccia un sentimento che, però, è impossibile da vivere perché Mel ha i giorni contati.
Ma al cuor non si comanda e tra aerei, spiagge e i meravigliosi scenari di Cuba, l’amore si insinuerà dentro di loro, sfidando la malattia, l’ostinazione di Mel e trasformando Alan in tutto ciò che non è mai stato e mai avrebbe creduto di poter diventare.








Questo breve romanzo è la dimostrazione che è possibile “narrare l’amore” senza utilizzare necessariamente effetti speciali, del tipo sesso sfrenato o giochi erotici inesauribili. Mi è molto piaciuto lo stile dell’autrice (che ammetto, non conoscevo), un modo di raccontare semplice, diretto e molto “delicato”.
Alan non è il solito bellone senza scrupoli, ricco e dai gusti sessuali particolari, ma un ragazzo semplice, con i propri limiti e un sogno nel cassetto che spera ardentemente di realizzare. Il punto di forza di questo personaggio è proprio questa chiave di estrema normalità, che permette al lettore di sentirlo vicino e immedesimarsi.
Alan non ama il suo lavoro e desidera diventare un ballerino di salsa. Questo contrasto tra la vita professionale e la danza crea un connubio molto interessante.

“ Io volevo fare il ballerino di salsa… Non vorrai mica che ti prendano per gay, rispondeva mio padre”.

L’incontro con Mel sarà magia allo stato puro e l’inizio di una storia toccante.
Sinceramente mi sarei aspettata un maggiore approfondimento nella descrizione dei personaggi e delle loro emozioni ma credo che le informazioni fornite dall’autrice si siano adattate perfettamente al formato breve del romanzo in questione. Il messaggio a cui puntava Fanny Di Natale è stato ben espresso, mi riferisco al fatto che tutti abbiamo diritto a realizzare i sogni che serbiamo nel cuore. Una lettura dunque da non perdere, perché incita a non arrendersi mai, nemmeno nelle situazioni più complesse e disperate.
Fanny è una scrittrice da tenere d’occhio. Meritevole è stato il suo proposito di trattare di un argomento “diverso” dai soliti cliché letterari tanto in voga nel mondo dell’editoria di questi ultimi tempi.
Se desiderate trascorrere una serata diversa, avvolte dal tepore di una lettura delicata e d’impatto emozionale, ve lo consiglio vivamente.






Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...