giovedì 4 febbraio 2016

Recensioni: "LE PROMESSE DI UNA VITA" di Susan Elizabeth Phillips




Genere: Romance
Editore: Leggereditore
Pagine: 
Prezzo ebook: 4,99
Prezzo: € 12,90
Uscita ebook:  12 Novembre ebook- 26 Novembre 2015








Sinossi:
Isabel Favor, guru americana dell'auto-aiuto, ha costruito un impero... finché un commercialista senza scrupoli non lo fa crollare. In un attimo Isabel perde reputazione, ricchezza e fidanzato: lei che ha sempre risolto i problemi degli altri, scopre di non avere soluzioni per sé. Così, con l'animo a pezzi, parte per l'Italia alla ricerca di un po' di serenità. Lorenzo Gage si guadagna da vivere uccidendo la gente... sul set! Bello e talentuoso, è il sogno proibito di ogni donna, ma quando decide di fare un viaggio in Italia sente che nella sua vita manca qualcosa. Finché non vede Isabel sorseggiare un bicchiere di vino al tavolino di un bar. A un bravo ragazzo forse non verrebbe in mente di sedurre una donna dall'aspetto tanto composto... ma per Lorenzo diventa una sfida. Isabel però ha altro a cui pensare: deve rimettere insieme i pezzi della sua vita, e le sembra difficile anche al riparo tra le mura di pietra di un casale toscano... soprattutto se quell'uomo che ha rifiutato non la lascerà in pace! 





Il nuovo stand alone della Phillips mi ha stregato. Non c’è romanzo di questa splendida autrice che non lo faccia. Il titolo originale è Breathing Room che col romanzo avrebbe avuto più affinità, con un senso più logico, ma le emozioni che questa donna riesce a trasmettere sono comunque infinite. L’inizio è lento, con qualche tratto addirittura stagnante, ma le premesse sono ben lontane dall’apice del racconto che si trova proprio a poche pagine dalla fine.
Isabel è una donna che ha superato la trentina e che si è costruita delle regole da seguire come pilastri di una religione personale, della quale si sente una specie di vestale sacra. Sta attraversando un brutto periodo: il fidanzato l’ha lasciata per un’altra, è in bancarotta e la sua carriera sta declinando pericolosamente. Per staccarsi da tutto arriva a Firenze e conosce Lorenzo, un attore discendente dei grandi Medici, che sfodera il suo fascino con naturalezza recidendo ogni reticenza femminile. Isabel si abbandona per la prima volta e con lui romperà molti dei propri principi scoprendo che la vita vera è più vicina al caos che all’equilibrio perfetto. Come variabili sfuggite al controllo, nella sua vita entrano improvvisamente un gran numero di personaggi, che la colorano dell’ocra delle colline metallifere, del vermiglio degli acini appena schiacciati e del blu cobalto del cielo che si staglia sopra i campi di girasole e i vigneti della Toscana. 

Lorenzo, da parte sua, è convinto che il caos sia parte di sé e che si manifesti in ogni suo personaggio, in ogni carattere che interpreta con empatia, calandosi in ogni ruolo pur di non vivere in prima persona la vita che lascia scorrere tra una sceneggiatura e l’altra. Sembra compire, dunque, il percorso contrario rispetto a Isabel e là, tra le colline del Chianti, in un paradiso ricco di calore e passione, incontra Isabel e scopre di avere un’anima.
I personaggi e l’ambientazione sono davvero meravigliosi ed evocativi. Il ritmo del racconto è in continuo crescendo e, alla storia tra i due protagonisti, se ne affiancano altre, altrettanto incisive e intriganti. A tutto questo si aggiunge un elemento sorprendente, un reperto archeologico intriso di magia, che porterà l’intera vicenda verso il suo culmine, fino a una scena fenomenale dal punto di vista psicologico, evocativo e narrativo.
Sono affascinata dalla scrittura della Phillips e ho amato ogni riga di questo romanzo, respirando tra i capitoli la magia del vero amore e il calore di una passione autentica. Mi sono lasciata conquistare, come se il romanzo fosse una leggera carezza del sole sotto il cielo della Toscana.






2 commenti:

  1. Bella recensione! Lo metto subito tra i libri da leggere!
    Grazie.
    Alisya

    RispondiElimina
  2. Tanto prima o poi leggo anche questo della Phillips ;)
    Sta diventando peggio della Hoover per me... una dipendenza!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...