martedì 15 marzo 2016

L'Angolo di Matesi: "LA COSCIENZA DI ZENO - ITALO SVEVO"



Buon martedì a tutti con un nuovo bellissimo articolo di Teresa Siciliano! Oggi la nostra prof ci parla di Italo Svevo e di come la realtà possa assumere mille volti; per leggerla, bisogna scegliere solo un acuto punto di vista!
Italo Svevo

Ho preso la maturità classica nel 1969 in un liceo di periferia di Roma, l’Orazio, che all’epoca non aveva una sede propria, ma era sistemato in un edificio destinato originariamente a condominio. Mi ricordo bene la ringhiera della scala, che tremava in modo preoccupante, quando noi alunni uscivamo di corsa, ovviamente, alla fine delle lezioni.
http://www.orlandofurioso.com/wp-content/uploads/2015/05/La-coscienza-di-Zeno.jpgNon posso lamentarmi dei programmi: in storia arrivammo alla II guerra mondiale e Yalta, in letteratura italiana solo al primo Novecento: facemmo bene Pascoli e D’Annunzio e, solo dietro pressione di noi alunni, Pirandello e Svevo, che esaurimmo, però, in una lezione. Credo che ci fu un accenno anche a Montale e Ungaretti. Di questi quattro autori mi pare che non leggemmo niente. Per quanto riguarda Svevo ne sono assolutamente sicura.
Difatti io lessi La coscienza di Zeno addirittura dopo l’università e, se vi stupite che a lettere non avessi studiato quest’autore, dovete capire che lo studio del Novecento era riservato a Letteratura italiana contemporanea, esame mai stato obbligatorio neppure prima della liberalizzazione dei piani di studio. Io lo scartai a priori perché all’epoca non capivo niente della letteratura più recente ed ero rigorosamente ottocentista. Ma la cosa più curiosa è che lo stesso atteggiamento era diffuso fra le insegnanti di italiano ancora 40 anni più tardi, quando il mondo e la cultura italiana erano andati molto avanti e io mi ero convinta ormai che gli alunni dovessero conoscere assolutamente il mondo in cui stavano per entrare.
Per me le cose cominciarono a  cambiare già a metà degli anni settanta, credo sotto l’influsso di mio suocero, lettore fortissimo soprattutto della letteratura latinoamericana, che allora veniva tradotta in italiano da Feltrinelli. In realtà i nostri gusti specifici si incontrarono raramente: lui mi fece leggere Cent’anni di solitudine di García Marquez, ma io impiegai decenni a farmelo piacere. E mai del tutto.
Invece con Zeno fu per entrambi un colpo di fulmine fin dall’inizio. Del personaggio ci piaceva l’ironia e l’autoironia, che lo rendevano così diverso dagli inetti noiosi e lagnosi, tipici della letteratura inizio novecento. Del resto ancora mi chiedo perché, in un secolo che ha prodotto tanto progresso scientifico e tecnologico e allungato fino a tal punto la vita umana, almeno nel nostro mondo occidentale, la letteratura abbia partorito solo tanta depressione e tanta sfiducia nelle nostre capacità.
Svevo era triestino, quindi suddito austriaco fino al 1918: si chiamava Schmitz, ma era di famiglia italiana, anche se, per sua stessa ammissione, pensava in triestino e tedesco. La sua lingua, quindi, si può definire una traduzione, donde i calchi della sintassi tedesca e numerose incertezze ortografiche, che compromisero per lungo tempo da noi la comprensione e l’apprezzamento della sua narrativa. Perciò, nonostante il riconoscimento del giovane Montale, fu “scoperto” da Joyce, che già aveva apprezzato molto Senilità, e dagli intellettuali francesi. Ma intanto, proprio perché le sue radici erano nella cultura cosiddetta mitteleuropea, lo scrittore aveva avuto modo di conoscere Freud, le cui opere sarebbero arrivate nel resto d’Italia, sostanzialmente, dopo il 1945.
Con civetteria, immagino, Svevo dichiarava che di psicanalisi non sapeva niente, cosa piuttosto inverosimile, visto che suo cognato era stato in cura da Freud in persona, sembra, con molte spese e nessun risultato. Cosa per nulla strana dal momento che, come si è saputo molti anni dopo, Bruno Veneziani era omosessuale e pare che Freud gli avesse detto di non poter fare niente per “guarirlo”. È passato quasi un secolo dalla pubblicazione della Coscienza e ormai i critici sono arrivati a pensare che, invece,  Svevo avesse capito benissimo i capisaldi della psicanalisi.
Il romanzo è troppo complesso perché io possa farne una trattazione appena appena esaustiva nel breve spazio di un articolo. Perciò vi racconterò quali punti per me furono importanti, tanto che per decenni arrivai a pensare che questo fosse il miglior romanzo italiano. Meglio perfino dei miei amatissimi Promessi sposi.
Il libro si presenta come un memoriale di Zeno: lo dichiara la prefazione dello psicanalista dottor S., il quale afferma di pubblicarlo per vendetta contro di lui e gli dà del bugiardo.
Non starò qui ad elencare tutti i motivi per cui il comportamento di S. è deontologicamente molto scorretto. L’antipatia ci induce a diffidare di lui e della sua diagnosi,  che ci verrà in seguito raccontata da Zeno. D’altra parte la prefazione ci fa dubitare anche del protagonista e del suo punto di vista, in forte contestazione rispetto alla psicanalisi. Insomma già nella prima pagina del romanzo non sappiamo che pensare.
http://alessandria.bookrepublic.it/api/books/9788854130852/coverLa tesi del dottor S. è che Zeno soffra di un complesso edipico irrisolto: il difficile rapporto con suo padre, che ha i tratti normali del padre borghese dell’epoca, un po’ come quello di Kafka, in qualche modo condiziona tutta la vita del protagonista, che dopo la morte del padre naturale si sceglie un padre sostitutivo, il signor Malfenti, e decide di sposarne una delle figlie, prima ancora di averle conosciute: nel corso di una sola sera si dichiara alla primogenita, poi alla più giovane, che entrambe lo rifiutano, poi alla terza, Augusta, che invece lo accetta perché è da sempre innamorata di lui. Il matrimonio con Augusta sembra quindi un ripiego, almeno agli occhi di Zeno, il quale però sottolinea con nonchalance di aver riconosciuto sul suo volto il sorriso della propria madre.
Si è discusso per decenni se e quanto nel matrimonio di Zeno Svevo abbia rappresentato il proprio, che però, a detta di tutti, fu molto felice. Certo Livia Veneziani ha negato fino alla morte di aver ispirato la figura di Augusta. E si capisce bene dal momento che nel romanzo viene tradita fin dalla luna di miele. Solo verso la fine del Novecento la loro figlia ammise in una intervista a Repubblica che… sì… forse… una somiglianza poteva esserci.
Nel romanzo Augusta rappresenta la salute in contrapposizione alla malattia del nevrotico Zeno. Come mai il protagonista finisce per concludere che le cose sono esattamente l’opposto? Cioè che quella salute è malattia e la sua malattia salute? Perché Augusta rappresenta la perfetta identificazione con i valori borghesi e Zeno invece la ribellione ad essi e lo spirito critico.
Personalmente mi interessò molto il tema del pudore. Augusta, prima del matrimonio, arrossisce per un bacio, mentre dopo ritiene lecito e per niente imbarazzante l’intero rapporto sessuale. Solo sulle pagine di Svevo cominciai a mettere in dubbio i principi della morale cattolica che mi erano stati inculcati fin dall’infanzia.
Nello stesso senso funzionò un altro brano: “Di domenica essa andava a Messa ed io ve l'accompagnai talvolta per vedere come sopportasse l'immagine del dolore e della morte. Per lei non c'era, e quella visita le infondeva serenità per tutta la settimana. Vi andava anche in certi giorni festivi ch'essa sapeva a mente. Niente di più, mentre se io fossi stato religioso mi sarei garantita la beatitudine stando in chiesa tutto il giorno.”
Qui l’autore utilizza con grande abilità l’artificio dello straniamento: tutti noi cattolici sappiamo a memoria le cosiddette feste di precetto, è normale, ma la critica nei confronti di questa fede superficiale mi pare molto acuta.

Se ti è piaciuto questo articolo clicca g+1

Commenta il post per farci sapere la tua opinione!


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...