martedì 29 marzo 2016

Recensione: "UNA PRATERIA PERICOLOSA" di Andrew Grey.







Genere: M/M Cowboy
Editore: Dreamspinner Press
Pagine: 169
Prezzo: € 6.28 (e-book)
Uscita: 01 Marzo 2016










Sinossi:

Dopo aver lasciato il corpo dei Marines, Gordon Fisher vive in solitudine e senza soldi. Quando un gruppo di ecoterroristi gli promette una grossa somma di denaro in cambio della liberazione di alcuni animali maltrattati, lui acconsente. Purtroppo gli animali in questione sono i grandi felini di Wally Schumacher e uno di loro aggredisce Gordon, ferendolo.
Ancora sofferente per la fine della sua relazione, Mario Laria trova l’ex marine e lo riporta al ranch di Dakota sotto la minaccia di un’arma, solo per ritrovarsi il cuore colmo di angoscia quando scopre che l’uomo vive in auto. Fra le cure di Dakota, il desiderio di Wally di liberarsi di lui e l’interesse di Mario, Gordon decide di rimanere. Ma nuvole nere all’orizzonte minacciano di spazzare via la sua nuova speranza. Nessuno sa che il passato di Gordon lo tiene sveglio la notte, e i militari vogliono delle risposte che lui non è in grado di dare.




La serie "Storie della prateria" è così composta:
1 - Una prateria divisa
2 - Guai nella prateria
3 - Una prateria sconvolta
4 - Una prateria straniera
6 – UNA PRATERIA PERICOLOSA









Eccoci arrivati al sesto volume di questa collaudata serie di Andrew Grey,che ha come protagonisti i cowboy del Wyoming.
La serie è ormai collaudata e segue lo schema dell'introdurre una nuova coppia per ogni volume, lasciando però sempre uno spiraglio sulla vita dei capostipiti di questa saga,Dakota e Wally.
Per me è sempre una cosa gradita,una certezza di dolcezza e risate ritrovarli tutte le volte! Wally mi fa morire:un piccoletto tutto pepe e arti marziali, impiccione, cupido e cuore da mamma chioccia!Il riflettore stavolta viene puntato su Mario,il capomastro del ranch,reduce dalla rottura della sua relazione con David,che l'ha lasciato per accettare un nuovo lavoro ed un nuovo amore, e su Gordon,un ex marine,che ha rischiato di perdere una gamba per essersi avvicinato troppo alla gabbia dei gatti di Wally.
Gordon è tornato da un anno dal fronte e soffre di sindrome da shock post traumatico, riportato in seguito di un pauroso conflitto a fuoco in un mercato in Iraq, nel quale ha perso i suoi migliori amici. Lo shock gli ha causato la perdita dei ricordi di quel giorno e lo ha reso non idoneo a continuare la carriera militare.
La sua momentanea fragilità lo ha reso vulnerabile e un gruppo di ecoterroristi coglie l'occasione per plagiarlo,convincendolo a liberare gli animali di Wally dal crudele trattamento che viene riservato loro. Ovviamente sono tutte panzane: Wally adora i suoi felini e avrà modo di constatarlo di persona.
Mario è un uomo di poche parole, rude e dolce allo stesso tempo. Sarà la cura migliore per far riemergere i ricordi dimenticati di Gordon e per farlo tornare l'uomo che era un tempo. Entrambi sono dominanti e possessivi e per Mario sarà una vera sorpresa avere a che fare con Gordon nella tranquillità della loro casetta!
Gordon ha il terrore che Mario possa lasciarlo,visto che David ha la brillante idea di tornare da quelle parti. Mario, però, è un uomo maturo,non è un ragazzino spaventato. Ha capito che Gordon è l'uomo giusto,e anche se vorrà sempre bene a David, è lui il suo futuro. I due si somigliano molto nel carattere e nell'orgoglio. C'è un passo molto commovente che mi ha colpito e che mi sono segnata per condividerlo con voi:

Come farò senza di loro? chiese il ragazzo.Andrai avanti, perché la vita continua. Le persone vanno e vengono, spiegò Mario. Mi lascerai anche tu? mormorò Gordon. No. Non me ne andrò, gli rispose, facendogli piegare la testa prima di baciarlo teneramente. Sono come un marine: vado avanti fino alla fine. Non mi arrendo e non rinuncio a ciò che è mio. Sono rimasto legato a David per mesi dopo che lui se n’era andato, perché non ci volevo rinunciare. Credi che sarei da meno con te? aggiunse. Gordon scosse la testa, cingendogli la vita con le braccia e appoggiando la testa sul suo petto. Ti terrò stretto per sempre, se lo vorrai. Gordon annuì contro il suo petto ed emise un suono affermativo, senza muoversi o dire altro. Lui e Gordon rimasero seduti fino a quando l’uomo non si alzò, dopodiché andarono a letto, dove Mario lo tenne stretto per tutta la notte.

L'autore è solito trattare nei suoi libri temi sociali scottanti e di attualità. In tutte le sue serie si affrontano temi caldi e molto sentiti per la comunità americana. Qui siamo di fronte ad un caposaldo della loro cultura: il patriottismo e il ritorno a casa dei reduci.
Gli americani hanno un senso del dovere e del patriottismo che forse non tutti riescono a capire al giorno d'oggi,soprattutto i non americani. Forse sono un po' estremi in tutto quello che fanno,ma devo dire che io apprezzo questa loro caratteristica. Si buttano a capofitto in ogni impresa, credono fermamente che tutto sia possibile e realizzabile se una persona si impegna al massimo per raggiunge il fine che si è prefissata.
Grey è come al solito molto bravo a porre l'attenzione su argomenti spinosi, senza però appesantire la trama.
Il libro come al solito è ben scritto,scorrevole ed è una gioia sapere sempre qualcosa di più su tutti i componenti di questa saga.
C'è ancora tanta tristezza per la scomparsa del padre di Dakota,una figura che mi è rimasta nel cuore,ma sono passati orma tre anni ed è ora di ripristinare le tradizioni, sedersi intono ad un fuoco e passare una serata in compagnia di questi uomini forti e tutti d'un pezzo, ma che non hanno vergogna di mostrare i loro cuori puri.









Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...