mercoledì 18 maggio 2016

Recensione in Anteprima: "SULLE NOTE DEL TEMPO" di Josh Lanyon








Genere: M/M
Editore: Harper Collins Italia
Pagine: 
Prezzo: €
Uscita:  19 Maggio 2016







Sinossi:

Griff Hadley, reporter di cronaca nera, non riesce a dimenticare la vicenda del rapimento e della scomparsa, vent’anni prima, del piccolo Brian Arlington. Si pensa che sia morto, ma il corpo non è mai stato ritrovato. Griff decide di scrivere un libro sulla vicenda e sorprendentemente riesce a ottenere il permesso di soggiornare a Winden House, residenza degli Arlington. La sua presenza, però, sembra suscitare sentimenti contraddittori sia nei componenti della famiglia, che non gradiscono l’idea di dare in pasto al pubblico la propria vita, sia nel legale che li rappresenta, Pierce Mather, convinto che le intenzioni di Griff non siano limpide come lui afferma. Ma in quel mondo artefatto in cui ricchezza, gelosia e falsità vanno a braccetto, nulla è come sembra e così Pierce e Griff si ritrovano a combattere la stessa battaglia e a scoprire un’assurda verità. Perché il tempo, pur avendo sbiadito i ricordi, nulla ha potuto contro i sentimenti, rimasti inalterati come le note di Stranger on the shore che continuano ad aleggiare nel giardino della villa.


Griff Hadley è un giornalista da anni interessato alla misteriosa scomparsa di Brian Arlington, piccolo rampollo di una delle famiglie più ricche e influenti di Long Island.

Del presunto delitto venne accusato e condannato Odell Johnson, che proclamò sempre la sua innocenza.
Quando Hadley decide di scrivere un libro sulla misteriosa vicenda, la sua intraprendenza viene premiata dal vecchio e nostalgico patriarca, Jarrett Arlinghton, che lo invita a trascorrere una settimana a Widen House, la grande villa di famiglia.
Da subito Hadley non avrà vita facile, perché a parte il vecchio Jarrett nessuno sembra essere favorevole a riaprire le ferite del passato e meno che mai l’avvocato di famiglia, il giovane e affascinante Pierce Mather, che sospetta Griff di avere altri interessi nascosti che possano danneggiare la famiglia Arlinghton.
Tra il moro e prestante trentacinquenne Pierce e il biondo e fragile Griff, trentenne con l’aria di avere meno dei suoi anni, scatterà subito una forte tensione che li porterà a essere su fronti opposti, visto che Mathers farà di tutto per dissuadere Hadley dalla stesura del libro. Lo stesso faranno i domestici e gli zii dello scomparso Brian Arlington, Muriel, Marcus e Michaela, ritornata col marito Ring Shelton apposta per impedire la scrittura del libro.
Solo la figlia di prime nozze di Michaela, Chloe Kloppel, e la sorella di Pierce sembrano avere una qualche simpatia per Griff e cercano di aiutarlo nel suo arduo compito. Ma le cose cambiano quando Brian Arlington ricompare e tutti in famiglia sembrano riconoscerlo ed essere certi che sia davvero un Arlington, tranne Griff e Pierce che per una volta saranno dallo stesso lato oltre che nello stesso letto, nonostante l’avvocato continui a non fidarsi affatto delle intenzioni del giornalista.
Le indagini sul passato di Brian costringeranno Griff a fare i conti anche con il suo di passato. Anche Pierce dovrà fare i conti con i suoi fantasmi nascosti se vorrà salvare il vecchio Jarrett dalle sue illusioni e Griff di chi vuole nascondere per sempre la verità e mettere le mani sui soldi di famiglia. Il tutto si sviluppo con sullo sfondo le note della canzone “Stranger on the shore”che da anche il titolo all’originale inglese.
La storia è avvincente e articolata, le vicende dei vari personaggi emergono dal passato con grande maestria e la parte investigativa ben si integra con la storia personale di Griff e i lembi del suo passato e di quello di Brian.
Pierce è un antagonista-coprotagonista di tutto rispetto e la tensione tra lui e Griff vale da sola l’interesse per questa lettura, che mi sento di consigliare a tutti gli amanti del genere.






Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...