martedì 10 maggio 2016

L'Angolo di Matesi: "ACHILLE ED ETTORE"

Questo martedì Teresa Siciliano ci parla di una coppia particolare, una coppia di eroi immortali, epici, indimenticabili. Stiamo parlando di Achille ed Ettore, protagonisti delle pagine forse più intense dell'Iliade di Omero. Chi dei due vi ha conquistate?




Come tutti gli studenti della mia generazione, in II media affrontai l’Iliade di Omero (però nella traduzione commentata di Romagnoli, niente Monti per me). In classe ovviamente leggemmo solo un’ampia antologia del poema, ma chi voleva, cioè io, aveva comunque a disposizione tutto il libro. O così credevamo. Per la verità fummo molto incuriositi dal fatto che qualche brano, presente nel riassunto iniziale di un canto, non c’era nei versi: ad esempio l’episodio in cui Era-Giunone seduce il marito Zeus-Giove. E a volte il segno grafico (…) segnalava che qualche cosa era stata omessa. Eravamo nel 1962 e per la verità il fatto non ci indignò: allora pareva normale che i bambini non potessero leggere o vedere tutto, soprattutto quanto riguardava il sesso.
Nonostante fossimo solo femmine, come usava allora anche nella scuola pubblica, fummo subito affascinate dalle figure dei due protagonisti, Achille ed Ettore. Anzi nella classe si crearono due veri e propri partiti, come oggi nelle tifoserie di calcio, e se non venimmo alle mani poco ci mancò.
Io capeggiavo il partito di Achille, in netta minoranza (e temo per colpa mia). La maggior parte delle altre erano filo-Ettore e non sono sicura del motivo.
In realtà questa dicotomia è già nel poema. Omero (o chi per lui) ha costruito la vicenda, con invenzione geniale, intorno all’ira di Achille e condivide in gran parte la sua concezione della vita. Al centro c’è il desiderio di gloria (bellica, naturalmente): a causa di esso il personaggio, che è figlio di una dea e quindi ha potuto scegliere, ma non è invulnerabile (e neppure bisessuale) come in un’altra tradizione, ha preferito una vita breve e gloriosa ad una lunga, ma piatta e grigia. Nella gloria rientra ovviamente il concetto di onore e perciò l’eroe non può tollerare che gli venga tolta la schiava Briseide, preda di guerra che si è meritata con il suo valore. L’autore non chiarisce se ci sia amore fra Achille e la donna, ma certo, quando è costretta a recarsi da Agamennone, si sottolinea che Briseide lo fa a malincuore.
Grande è l’ira del guerriero, che si ritira nella sua tenda e non partecipa più alla guerra, rifiutandosi di tornare anche quando Agamennone cerca una nuova alleanza con lui, offrendogli doni di riparazione compresa Briseide, che giura di non aver toccato.
Siamo chiaramente in una tipica situazione greca di hybris, cioè, potremmo dire in termini moderni, di delirio di onnipotenza, che il destino o gli dei puniranno con la morte del giovane amico Patroclo, ucciso da Ettore. Era l’unica cosa che poteva indurre l’eroe a tornare all’azione, facendo stragi di Troiani.
Da parte sua Ettore ha aspetti più moderni: rappresenta l’eroe della patria e della famiglia, legatissimo alla moglie Andromaca e al figlio Astianatte. Lo vediamo bene quando, in una pausa della battaglia, si incontra con loro alle Porte Scee. Qui Andromaca tenta di convincerlo a rimanere al sicuro dentro le mura, in posizioni solo difensive. Ma Ettore non si fa illusioni:

Donna, anch’io, sì, penso a tutto questo; ma ho troppo
rossore dei Teucri, delle Troiane lungo peplo,
se resto come un vile lontano dalla guerra.
Né lo vuole il mio cuore, perché ho appreso a esser forte
sempre, a combattere in mezzo ai primi Troiani,
al padre procurando grande gloria e a me stesso.
Io lo so bene questo dentro l’anima e il cuore:
giorno verrà che Ilio sacra perisca,
e Priamo, e  la gente di Priamo buona lancia:
ma non tanto dolore io ne avrò per i Teucri,
non per la stessa Ecuba, non per il sire Priamo,
e non per i fratelli, che molti e gagliardi
cadranno nella polvere per mano dei nemici,
quanto per te, che qualche acheo chitone di bronzo
trascinerà via piangente, libero giorno togliendoti.

Poi, prima di tornare a combattere, si volta a salutare Astianatte, ma il bambino non lo riconosce, a causa dell’elmo, e strilla. Ettore sorride, si scopre il capo, prende in braccio il figlio e gli augura di crescere fino a diventare un guerriero migliore di lui.
Personalmente non posso fare a meno di chiedermi: la scena era straziante per gli spettatori e i lettori antichi di Omero com’è oggi per noi, all’idea della sorte che attende quel bambino? Non lo so, ma il contrasto fra i due protagonisti dell’Iliade non potrebbe essere più grande.
Quanto a me, mi ricordo che versai molte lacrime su quest’episodio, ma rimasi sempre dalla parte dei Greci. Segue quello che è noto: il duello all’ultimo sangue, la morte di Ettore, lo strazio che Achille fa del suo corpo, trascinandolo nella polvere intorno alla tomba di Patroclo, attaccato al suo carro, due volte al giorno per dodici giorni, contro tutte le regole di rispetto dei defunti. Ci vorrà l’imprevedibile arrivo di Priamo alla tenda di Achille perché due nemici possano riconoscersi uguali nella sofferenza che accomuna tutti gli uomini e stabilire una tregua, in modo che il corpo di Ettore venga restituito alla sua famiglia e alla sua città per un giusto funerale.

Ah misero, quanti mali hai patito nel cuore!
E come hai potuto alle navi dei Danai venire solo,
sotto gli occhi d’un uomo che molti e gagliardi
figliuoli t’ha ucciso? Tu hai cuore di ferro.
Ma via, ora siedi sul seggio e i dolori
lasciamoli dentro nell’animo, per quanto afflitti:
nessun guadagno si trova nel gelido pianto.
Gli dei filarono questo per i mortali infelici:
vivere nell’amarezza: essi invece son senza pene.
(…)
E così nel vestibolo della tenda dormirono
l’araldo e Priamo, ricchi di saggi pensieri.
Ma Achille dormì nel fondo della solida tenda,
e accanto a lui Briseide la bella guancia si stese.

Fra parentesi l’ultimo verso (che sancisce la conclusione dell’ira di Achille) da ragazzina non potei leggerlo perché era sostituito da un omissis.
Oggi mi affascina riflettere sui miei pensieri di bambina: dovevo essere proprio un maschiaccio per amare tanto un poema di guerra come l’Iliade e nella contrapposizione fra l’eroe del valore militare e quello della famiglia preferire il primo. Per quanto mia madre avesse cercato di inculcarmi i comportamenti femminili tradizionali (e in verità ci fosse anche riuscita), immagino che qualcosa in me si ribellasse, visto che in passato mi piaceva giocare con i trenini più che con le bambole e, diventata più grande, preferivo Achille ad Ettore. Forse ci sarà stato il tipico amore femminile per i vincitori: non per niente anni dopo, in un sondaggio all’epoca dell’impresa lunare, fra i tre astronauti io preferii Armstrong, per il solo fatto che lui era stato il primo a mettere piede sulla luna.
Il fascino dell’eroe sconfitto, nonostante il suo coraggio e il suo valore, mi avrebbe conquistata solo molto tempo più tardi.

Se ti è piaciuto questo articolo clicca g+1

Commenta il post per farci sapere la tua opinione!



5 commenti:

  1. Adoro i tuoi commenti e mi piace da morire leggerli e confrontarli con i miei ricordi e le mie opinioni. Anche io ho amato Achille da subito non lo visto - neanche allora - come il privilegiato che poteva scegliere ma come il ragazzo che d' istinto sceglie la gloria, il ricordo del proprio nome nella storia, l'eroismo alla vita di tutti i giorni. Era l'epitome della gioventù e della "incoscienza" tipica della giovane età.
    Di certo posso dire che anche io più che le bambole ho amato giocare a pallone e i miei libri favoriti, all'epoca, erano Salgari, Verne, Stevenson.
    Antonella Tonon

    RispondiElimina
  2. Ciao! Ti invito a partecipare al mio Giveaway, in palio una copia cartacea di "Glass Magician" più l'ebook di "Paper Magician" (primo capitolo della saga) e il segnalibro del Café Littéraire!

    RispondiElimina
  3. E' sempre con immenso piacere che leggo gli articoli di Teresa Siciliano.
    Con questo sono tornata alle scuole medie con il mio enorme librone di epica.....oltre 40 anni fa.
    Gentile Signora, non potrebbe pubblicare una raccolta dei suoi scritti? Anche solo in digitale?
    Mi prenoto fin da ora, nel caso succeda.
    Grazie per i momenti di ricordi e leggerezza che mi regala.

    RispondiElimina
  4. Teresa Siciliano12 maggio 2016 10:26

    Cara Marta, se mi manda un mp su facebook , le invio una copia di tutti gli articoli per suo uso personale.

    RispondiElimina
  5. La ringrazio molto ma non sono iscritta a facebook.
    Non mi sento ancora così "tecnologica" e non saprei da che parte cominciare.
    Magari lei riflette sulla raccolta, io intanto mi accontento di leggerla poco alla volta.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...