domenica 1 maggio 2016

Recensione: "QUELLA STELLA BRILLA SOLO PER NOI" di Marco Canella.







Genere: Romanzo Contemporaneo
Editore: Delos Digital
Pagine: 59
Prezzo: € 1.99 (e-book)
Uscita: 15 Marzo 2016








Sinossi:

Giada è appena uscita da una lunga storia d'amore con Mirko. Una storia che l'ha fatta soffrire, perché lei, oltre ad amarlo, si era prefissata l'ambizioso obiettivo di riuscire a cambiarlo. Lui, infatti, è un uomo violento ma allo stesso tempo fragile, che quando viene colto da un raptus si sfoga su di lei. Con l'aiuto di Monica, la sorella, e di Marzia, la migliore amica, Giada cerca di voltare pagina. In discoteca conosce Matteo, un amico di Marzia. Il primo appuntamento, però, si rivela un disastro. Lui la fa incavolare con un discorso insensato. Lei, presa dalla rabbia, se ne va. Fuori dal locale trova Mirko, che li aveva inseguiti. La serata si trasforma in un incubo. Riuscirà Giada a salvarsi dalle grinfie del suo "ex"? Riuscirà a ricominciare da capo, trovando finalmente il vero amore? 







Caro Marco,
ho letto tutti i tuoi libri e mi hanno incantata. Se poi aggiungi Ligabue e Max Pezzali, non solo mi spiazzi, ma mi conquisti.
“Quella stella brilla solo per noi” è l’ultima fatica letteraria di un autore italiano che ho imparato a conoscere e ad apprezzare, Marco Canella, colui che mi ha permesso di guardare agli uomini che scrivono romance con meno scetticismo.
La storia che mi ha raccontato è quella di Giada e Matteo, due giovani che si conoscono e si innamorano in circostanze strane, ovvero dopo la rottura di Giada col suo ex violento.
Nonostante la brevità, l’intensità del sentimento viene fuori al 100% e il “post – epilogo”raccontato da Giulio è stato davvero un bell’espediente per chiudere una storia che altrimenti, causa la brevità della pubblicazione, sarebbe rimasta quasi incompiuta.
Giovani e belli, Giada e Matteo affrontano per la prima volta una relazione seria e imparano cosa voglia dire affidarsi e fidarsi di un’altra persona.
I tratti caratteriali che vengono fuori da entrambi sono l’allegria e la voglia di serenità. Mentre Matteo è dolce e sicuro di sé, tanto da commettere una terribile gaffe all’inizio della sua conoscenza con Giada, la nostra protagonista si nasconde dietro una patina d’insicurezza, tutta imputabile all’esperienza traumatica che ha vissuto.
Tuttavia, riesce a ritrovare la voglia di vivere e conquista subito la sua felicità . So per esperienza che concentrare incipit, svolgimento ed epilogo in poche battute non è semplice. In questo caso stile e fantasia camminano a braccetto, fornendo tutti gli strumenti utili perché una storia funzioni.
Lo stile di Marco è sobrio, lineare e spiccatamente maschile, nel senso che è spesso tipico degli uomini andare al nocciolo senza fronzoli inutili. Quanto lo stile rispecchi dell’autore questo non lo so, tuttavia ho l’impressione che ci sia molto di Marco in Matteo. “Quella stella brilla solo per noi” mi ha dato l’impressione di essere un libro più personale dei precedenti, non solo per le citazioni musicali, ma anche e soprattutto per l’epilogo.
Con quattro stelline su cinque, consapevole che le esigenze editoriali sono quelle, lancio una richiesta all’autore: una storia più lunga, quando?
Spero presto!







Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...