mercoledì 1 giugno 2016

Recensione: "IL RITORNO" di Brad Boney.







Genere: M/M, Contemporaneo
Editore: Dreamspinner Press
Pagine: 345
Prezzo: € 6.13 (e-book)
Uscita: 19 Aprile 2016
Traduttore: Ugo Telese








Sinossi:

Musica. Topher Manning raramente pensa ad altro, ma il suo lavoro diurno come meccanico non si sposa esattamente con le sue ambizioni da rock star. Se non troverà un modo per sbloccare tutte le canzoni che ha nella testa, la sua band si avvierà presto verso l’oblio. 
Poi arriva il festival South by Southwest che, insieme a una macchina guasta, porta nella sua vita il critico newyorchese Stanton Porter. Stanton offre a Topher un biglietto per il concerto di Bruce Springsteen, dove un bacio esitante e le vibrazioni fantasma del cellulare del ragazzo danno il via a una storia d’amore che promette di andare al di là del possibile. 

Anche se questo libro non viene considerato come appartenente a una serie e può essere letto come autoconclusivo, alcuni dei personaggi secondari erano protagonisti del romanzo “Il nulla di Ben”






Siete pronti al mio “coming out”?
Non sono una grandissima esperta di musica rock, mi piace la musica in generale‚ ma non ho mai avuto uno impianto stereo quando ero più giovane...
Vi ho shoccato abbastanza? 
Se devo dirla tutta non sono nemmeno una fan di Bruce Springsteen, colpa mia‚ lo ammetto‚ ma avevo altri interessi quando ero più giovane e non avevo fratelli o sorelle maggiori che potessero farmi da apripista su questo argomento‚ in più sono stonatissima!
Vi chiederete perché io vi stia parlando di musica e la stia prendendo così alla lontana? Il fatto è che questo libro è un inno e un omaggio alla musica, in special modo a quella che ha segnato la giovinezza dell'autore‚ quindi per me l'inizio è stato un po' ostico, non riuscivo a venire a capo dei numerosi riferimenti musicali fatti dai personaggi e la storia non faceva presa sulla mia mente, poi ho cominciato a collegare le cose e‚ quando è entrato in gioco il fattore “R”‚ è stato tutto più chiaro.
Come è accaduto nel libro precedente‚ anche qui il sentimento dell'amicizia fa da padrone ed è alla base di tutte e due storie che andrete a leggere. Due storie d'amore‚ o forse una‚ e in più tanti personaggi secondari che incrociano i loro destini con queste due coppie che dopo venticinque anni- tra salti temporali tra il passato dei primi anni '80 e il nostro presente – possono vivere finalmente il loro giusto lieto fine.
Dal punto di vista narrativo non c'è una vera e propria suddivisione di capitoli: c'è un riferimento‚ sempre all'inizio di ognuno, lasciato in lingua originale e caratterizzato da poche parole significative per la narrazione. La storia è composta da un susseguirsi di flashback tra il passato di Stanton e il presente di Thopher, i due protagonisti.  
Il primo protagonista che incontriamo è Topher‚ giovane meccanico col sogno di diventare un musicista e di vivere della sua musica; ha un sacco di canzoni e melodie in testa‚ che però sembrano bloccate e in attesa di qualcosa che le faccia uscire. Topher lavora nella stessa officina per cui lavora Travis, protagonista del libro precedente insieme a Ben ( i due ora vanno d'amore e d'accordo e vivono insieme ai fratellini di quest'ultimo) ed è il fratello dell'ex fidanzata di Travis. Sono molto amici e Travis sarà una risorsa preziosa per Thoper, poiché lo aiuterà a fare chiarezza sui suoi sentimenti. Proprio come è successo a Travis, Thoper non è mai stato attratto dagli uomini prima di incontrarne uno molto particolare: Stanton.
Credete ne destino o nelle semplici coincidenze? Ve lo chiedo perché dopo il loro incontro fortuito i due uomini si troveranno a vivere una storia ai confini della realtà.
Stanton è un uomo forte e fragile insieme, ha perso il suo grande amore, ha passato i cinquanta e soffre molto all'idea che la gente lo prenda in giro per la sua relazione con il giovane Thoper. Le sue insicurezze mi hanno fatto tenerezza. 
Thoper è lanciatissimo nella sua corte spietata verso Stanton! Sente di essere attratto dal primo momento che l'ha visto entrare in officina; ha qualche piccola incertezza- è qui che entrano in scena i preziosi consigli di Travis- ma è senza vergogna e senza paura.
Mentre Stanton non crede al destino, Thoper è sempre più convinto che tra loroci sia veramente qualcosa di magico e speciale che li lega: sono veramente troppe le coincidenze che sembrano legare il giovane ad Hutch, l'amore del passato e purtroppo perduto di Stanton.
Per lui‚ comunque‚ è' giunto il momento di accettare il passato‚ cominciare un nuovo futuro per Stanton ed essere finalmente felice. Non voglio raccontarvi di più, è giusto che anche voi vi immergiate nella musica e‚ con l'aiuto del fato‚ vi tuffiate nelle vite di Thoper, Santon, Hutch ma anche in quella di loro amici: Robin, Peter, Maurice, Marvin e il suo Tyrese, ma anche Robert, Paul e Michael... 
Ecco‚ adesso mi commuovo di nuovo se penso a tutti loro!
L'autore mi ha veramente stupito con questo secondo libro. Mentre il primo mi era piaciuto‚ ma avevo avuto delle riserve su uno dei protagonisti, Ben che nonmi aveva convinto del tutto, qui invece Brad Boney ha fatto centro! È un bellissimo libro che sicuramente rileggerò, ma stavolta con il sottofondo della colonna sonora suggerita dall'autore stesso.
Un storia che parla dell'amore romantico per eccellenza, quello che vince la morte e che attraversa il tempo‚ un pizzico ai limiti della realtà‚ ma che sono sicura vi piacerà proprio per il suo essere così inusuale e incredibile. Tutto ha un senso anche quando non sembra....








Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...