lunedì 11 luglio 2016

Recensione: "NEL TUO RESPIRO" di Sophie Jackson.


Dopo il successo di "A fior di pelle", Sophie Jackson torna con un nuovo indimenticabile romanzo.


Genere: New Adult
Editore: Fabbri
Pagine: 352
Prezzo: € 15.90 (cartaceo); € 6.99 (e-book)
Uscita: 28 Aprile 2016 (cartaceo); 19 Maggio 2016







Sinossi:


Per Max la battaglia è una sola: liberarsi del passato, dimenticare il dolore e tentare di andare avanti. La vita non ci è andata piano con lui: la donna che amava lo ha lasciato, ha perso un figlio e lui ha finito per perdersi nel buco nero della droga e della disperazione. Ma ora Max vuole guardare avanti e, dopo un faticoso percorso di disintossicazione, è un uomo nuovo, che conosce i suoi lati più oscuri e sa dominare la fame che ha dentro, grazie soprattutto all'arte, sua unica ragione di vita. Quando incontra Grace, radiosa, dolce, appassionata di pittura, Max sembra aver trovato la felicità. Ma cosa nasconde la ragazza dietro la sua apparente serenità? Perché il suo passato è un mistero inespugnabile?


La serie "A POUND OF FLESH" è così composta:
1. A fior di pelle (A Pound of Flesh)
1.5 Love & Always (novella)
2. Nel tuo respiro (An Ounce of Hope)
2.5 Fate and Forever (novella)


3. A Measure of Love


Nel tuo respiro è il secondo libro della serie "A Pound of Flesh" di Sophie Jackson e se avete amato "A fior di pelle" vi posso garantire che questo nuovo capitolo non è da meno, anzi forse addirittura è superiore. Max O'Hare, che abbiamo già incontrato nel libro dedicato a Carter, finisce in una spirale di depressione e disperazione, che lo porta ad abusare sempre di più della sua nemica di sempre: la cocaina. Il giovane uomo che ha già alle spalle il suo bagaglio di sofferenza avendo perso la mamma da piccolino e l'amato padre quando aveva solo vent'anni, trova il suo centro d'equilibrio nell'amore per la bella Lizzie. Grazie al sentimento per la ragazza decide di dare un taglio con droghe e superalcolici, vivendo un periodo di serenità che ha al suo apice la notizia dell'arrivo di un bambino, frutto dell'amore della coppia. Come spesso accade nella vita, quando tutto sembra andare per il meglio succede qualcosa che ribalta completamente la situazione: Lizzie perde il figlio, che entrambi già adoravano, al settimo mese di gravidanza e questo dolore invece di unirli di più come coppia, li fa allontanare sempre più fino a scavare una voragine incolmabile. Lizzie si chiude a riccio e abbandona Max senza una spiegazione; quest'ultimo riprende con il vizio di sempre, la droga, fino a quando con l'aiuto di Carter decide di entrare in una clinica per disintossicarsi. 


«E sai invece che cosa vedo quando guardo te?» 
Max scosse la testa con decisione. «Preferirei non saperlo...» 
«Vedo un uomo che desidera migliorare, che rimpiange le decisioni che ha preso, che vuole rimediare e andare avanti. Vedo un uomo terrorizzato all’idea di cogliere un’opportunità, di fidarsi degli altri, ma che vorrebbe farlo con tutto se stesso. Vedo un uomo distrutto, ma che prova a voltare pagina. Io vedo la speranza.»

Il percorso di Grace Brooks è diverso, ma non per questo meno doloroso. La giovane è reduce da un matrimonio con un uomo violento e manesco e porta nel corpo e nell'anima le cicatrici delle violenze subite. Tuttavia è una donna forte: non si piange addosso e decide di voltare pagina e ricominciare la sua nuova vita nel paesino natale della madre, Preston Country. Contro il parere del fratello compra una casa da ristrutturare e inizia a lavorare come barista nel locale del paese. Il destino vuole che nell'impresa edile che si occupa della ristrutturazione lavori anche Max, che dopo tre mesi nella clinica decide di cambiare aria trasferendosi presso lo zio proprio a Preston Country. Grace per la prima volta dopo il trauma subito sente di provare attrazione verso un uomo e, grazie ad una bella amicizia nata tra i due e ad un amore comune per l'arte (Max dipinge, Grace fa fotografie artistiche), si avvicina sempre più a Max. I patti sono chiari però! Vietato mettere in campo i sentimenti, vietato parlare di qualsiasi forma di impegno o di relazione... Ma si può mettere a tacere il cuore quando vuole di nuovo spiccare il volo?


«Non sapevo più cosa fare. Mi ero ripromesso di non provare mai più nulla per nessuna donna, poi all’improvviso ho sentito tante emozioni diverse tutte in una volta e non ho più capito niente. Non ho mai conosciuto nessuna come te» aggiunse dolcemente. «Tu sai vedere il bene dentro chiunque. Persino dentro di me.» 

Questo romanzo è un bell'esempio di come possono convivere nelle stesse pagine temi importanti e difficili, come dipendenza da alcol e droga e molestie familiari, insieme ad una tenera e combattuta storia d'amore. Grazie al nascente sentimento che li unisce, i due giovani riescono a superare traumi e rafforzarsi nella decisione di tenersi lontano dalle sostanze che possono portarli alla rovina. Il percorso da affrontare è difficile e ci sono sempre tentazioni di ricaduta. La Jackson è molto brava a descrivere il chiodo fisso nella mente di Max, che come una sirena tenta il ragazzo per farlo cadere nella propria rete. Più difficile ancora è aprire di nuovo il cuore ed imparare a fidarsi, ad amare ancora. Come sempre le più coraggiose (o incoscienti) sono le donne. È inutile negarlo, abbiamo una marcia in più! Grace infatti è la prima a capire la portata dei suoi sentimenti per Max ed ha il coraggio di esporsi e mostrare il suo cuore nella sua vulnerabilità. 


«Voglio che tu mi dica che lo desideri, che desideri me. Ma non che hai bisogno di me, perché non hai bisogno di me più di quanto tu non abbia bisogno di bere o di sballarti. Voglio che tu mi prometta che non scapperai più, che parlerai, che sarai sempre sincero, che lotteremo entrambi per sconfiggere i nostri demoni, e che lo faremo per noi stessi, non per l’altro. E se mi dici che ci riuscirai, ti giuro che io farò lo stesso.» 

Oltre all'amore questo libro è un inno all'amicizia. Infatti è grazie a Carter che Max intraprende il suo percorso di disintossicazione e avrà molto da ringraziare anche il tenebroso Riley, vedrete! E proprio Riley sarà protagonista del prossimo romanzo; non ci resta che attendere per scoprire qualcosa in più su questo intrigante personaggio. Lo stile di scrittura della Jackson è scorrevole e coinvolgente e riesce ad affrontare temi forti senza cadere nel vittimismo. Inoltre è molto delicata nel descrivere situazioni e sentimenti. Il tema trattato, la tossicodipendenza (e le dipendenze in generale), non è sicuramente dei più facili, ma viene affrontato con grande conoscenza e sensibilità. Il personaggio di Max O'Hare è il vero valore aggiunto del romanzo: dolce, fin troppo sensibile, un gran bravo ragazzo. 
Come potete già aver intuito lo consiglio sicuramente a tutti. Lo si può leggere senza aver letto il precedente perché sono tutti autoconclusivi, ma una volta iniziato sono sicura che vorrete completare tutta la serie!








Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...