venerdì 15 luglio 2016

Recensioni: "L'AMORE COME L'ACQUA" di Rowan Speedwell.






Genere: M/M, Western
Editore: Dreamspinner Press
Pagine: 264
Prezzo: € 6.13
Uscita: 26 Aprile 2016
Traduttore: Claudia Milani









Sinossi:

Tre anni sotto copertura con una delle peggiori gang del paese hanno lasciato dei segni profondi nell’agente dell’FBI Joshua Chastain. Accompagnato dagli incubi e dalla sua battaglia contro la tossicodipendenza, Josh lascia la giungla di cemento per la campagna del Nuovo Messico, nella speranza di poter cominciare una nuova vita nell’allevamento di cavalli dello zio. 
Il sovrintendente Eli Kelly trascorre le giornate a recuperare cavalli maltrattati e considera Joshua nient’altro che l’ennesima anima in pena. Ma non appena il giovane comincia a rimettere insieme i pezzi della propria vita, Eli si accorge che in realtà rappresenta molto di più che la sua ultima sfida. 
Il piano di Joshua sembra funzionare e, forse, un nuovo inizio è davvero tutto ciò di cui ha bisogno. Poi, quando finalmente sembra cominciare a ritrovare la pace, violenza e odio lo portano vicino a distruggere tutto ciò che ha costruito e lo costringono a mettere in discussione il proprio futuro con Eli e la propria vita.








“Con un breve sorriso, Joshua fece un paio di passi indietro e andò a ballare direttamente sotto la piccola cascata che si riversava dalle pareti del canyon. Cantava qualcosa a proposito dell’acqua, di come l’amore scorra come acqua, e ballava come se avesse l’anima in fiamme. Era così bello che Eli si sentì le lacrime agli occhi.” 

Niente poteva spiegare meglio il titolo di questo bellissimo libro se non questa citazione iniziale!
Da queste poche righe è difficile immaginare che‚ quando si sono incontrati perla prima volta‚ Joshua era praticamente un morto vivente‚ un ex tossico con lo sguardo spento, un corpo secco, un involucro. Non è stato facile per Eli entrare nella mente di Joshua, capirlo, perdonarlo e far breccia nel suo cuore ferito. 
Eli‚ alto, riccioli biondi e occhi azzurro cielo‚ è un cowboy che parla come nei film western‚ ma le sue doti più grandi sono la dolcezza unita alla pazienza che usa nel suo lavoro: è un addestratore di cavalli che lavora in un ranch che si occupa di “recuperare” i cavalli maltrattati ed abusati. Lui li riporta dolcemente alla vita, soffre terribilmente quando non è possibile e‚ con il suo cuore grande e la sua voce dolce e pacata‚ riesce ad arrivare al cuore di queste bellissime creature distrutte dalla crudeltà dell'uomo. 
La sua dolcezza è proprio la medicina che serve a Joshua per guarire dalle sue ferite psicologiche.

“Eli era una persona degna di fiducia.Un uomo di cui, se Joshua fosse stato ancora capace di provare amore, avrebbe potuto innamorarsi. Eli dovette accorgersi che era rabbrividito perché smise di baciarlo e gli chiese:
“Hai freddo?”
“Qualcuno ha camminato sulla mia tomba.” 
Gli rivolse un sorriso teso. 
“Non mentre ci sono io di guardia,” rispose Eli con voce gutturale e ricominciò a baciarlo.
Fecero l’amore come piaceva a Eli: con calma, delicatezza e intensità. 
L’uomo lo tenne per così tanto tempo in bilico sull’orlo del piacere che le lenzuola erano zuppe di sudore quando finalmente girò la testa, posò un bacio sul ginocchio che gli teneva premuto contro la spalla e disse con voce roca: “Vieni.” 

Joshua è reduce da una disintossicazione da eroina. Non è stata una sua scelta cadere nel tunnel della droga‚ ma la conseguenza di essere stato un agente dell'FBI infiltrato in una gang ispanica per tre anni. Il suo aspetto e le sue origini portoricane sono state l'ideale per questa missione sotto copertura.
Nel prologo sembra davvero che sia un delinquente della peggior specie, ma dategli tempo e nel giro di poche pagine vi innamorerete di lui.
È solo grazie alla sua forza di volontà, testardaggine ed intelligenza che è riuscito a sopravvivere a questa durissima esperienza, quando persino il suo capo dubitava che ne uscisse vivo. 
Joshua ce l'ha fatta‚ ma non senza riportare traumi. Il suo fisico non è l'unica cosa che si è “ammalata” durante la missione; la sua mente iperattiva‚ dotata di memoria fotografica‚ infatti non fa altro che fargli rivivere le violenze di cui è stato vittima e carnefice. 
Un personaggio bellissimo e tormentato, il cui riaffacciarsi alla vita “normale” è complicato‚ ma vederlo interagire con Eli e con gli animali del ranch è stato emozionante.
Accanto ai due protagonisti ci sono anche personaggi secondari che sono balsamo per l'anima ferita di Johsua: lo zio Tucker, rude cowboy che tratta sia Joshua che Eli come se fossero suoi figli, e Sarafina‚ la mamma chioccia che sforna piatti eccezionali per questi uomini che hanno il pallino di farsi ricoverare in ospedale. Tenete d'occhio il giovane Jesse, figlio di Sarafina: sarà sua la battuta finale del libro!
Ad un certo punto ho temuto che Joshua fosse troppo testardo per far funzionare le cose con Eli, ma non temete il lieto fine è assicurato.
Di questa scrittrice avevo giù letto il libro “Alla ricerca di Zach”, uno dei primi m/m che ho letto ed acquistato direttamente dal sito della casa editrice, e uno dei più belli m/m che io abbia letto in questi ultimi tre anni. “L'amore, come acqua” forse è un piccolo gradino sotto la storia di Zach, ma mi è piaciuto comunque molto ed è inutile dire che aspetto che vengano tradotti altri titoli di questa appassionante scrittrice.









Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...