martedì 2 agosto 2016

Recensione: "STRINGIMI ANCORA" di Lorelei James.



Finalmente in Italia il secondo volume della serie The Mastered, dall’autrice bestseller del New York Times e USA Today Lorelei James.




Genere: Erotico
Editore: Newton Compton Editori
Collana: Narrativa 1268
Pagine:
384
Prezzo: € 4,99 (ebook) - € 5,90
Uscita: 11 giugno 2016 ebook - 4 Maggio 2017 







Sinossi:

Quando il sensei Ronin Black incontra per la prima volta Amery Hardwick, il fuoco nei suoi occhi lo accende più dello slancio primordiale che prova durante gli incontri di arti marziali. Lei accetta i suoi lati oscuri e gli rivela i suoi desideri più inconfessabili. E molto presto Ronin si ritrova a lottare contro emozioni mai provate prima. Amery ha messo a nudo il suo corpo e la sua anima, eppure lui non può fare altrettanto: ci sono cose nel suo passato che devono restare nascoste… Quando però i segreti vengono a galla e Amery si allontana da lui, Ronin sente di non poter più fare a meno di lei. Per riconquistare la fiducia della sua donna, dovrà mettere da parte l’orgoglio e dimostrarle che quello che li lega va oltre la passione. Ma quando i loro piaceri da privati diventano pubblici, Ronin comincia a dubitare di essere l’uomo giusto per Amery. Riusciranno ad affrontare insieme la situazione? O le differenze tra loro li divideranno per sempre?
           
L’autore:

Lorelei James è autrice besteller del «New York Times» e «USA Today». È famosa per i suoi romanzi erotici. Vive nella parte occidentale del South Dakota con la sua famiglia. La sua pagina web è www.loreleijames.com









Alla fine di Legami, primo libro della serie Mastered di Lorelai James, abbiamo lasciato Amery e Ronin in una situazione critica con uno di quei cliffhanger strappacuore che tanto piacciono alle autrici.
Stufa della reticenza di Ronin su aspetti della sua vita, Amery lo ha lasciato.
Da qui riprende Stringimi ancora. Fin dalla prima riga comprendiamo quanto male Ronin stia vivendo questo momento. Combatte il dolore psicologico con il dolore fisico: è, infatti, tornato competere nella MMA e, volontariamente, si fa sconfiggere e infliggere colpi altamente lesivi.
Alla fine di un combattimento particolarmente violento, che gli ha lasciato un grave trauma cranico, non resiste e si presenta a casa di Amery in condizioni pietose. Segue un viaggio in ospedale, un ricovero e il riavvicinamento forzato dei due.
Amery seguirà la convalescenza di Ronin e lui userà tutte le sue armi erotico zen per farsi perdonare.
Diversamente dal primo volume, qui troviamo un Ronin più arrendevole e una Amery molto decisa. Lui ha ancora un grandissimo potere su di lei, ma la ragazza è maggiormente consapevole di se stessa e sa come prenderlo, come assecondare i suoi bisogni ma anche come piegarlo alle proprie richieste.
Il rapporto tra i due matura aggiungendo alla sfera sessuale anche quella sentimentale. Stranamente è Ronin a sentirne più forte il bisogno e Amery a fare più resistenza

«Porca miseria, ragazza, ti amo».
Amery si sollevò. «Certo che mi ami. Te l’ho succhiato fino a farti raggiungere ilnirvana!».
Che cavolo le era preso? Invece di rispondere al suo commento, le disse: «Ti amo sempre, non solo dopo aver fatto sesso». La fissò intensamente lasciando che le parole non dette, quelle che desiderava disperatamente sentirle pronunciare, aleggiassero nell’aria come una specie di sfida.Coraggio, Amery, dimmi che mi ami. Non è poi così difficile.
Invece, lei scivolò fuori dal letto, si infilò la vestaglia e prima di uscire dalla stanza annunciò: «Ho voglia di popcorn».
Resistette più o meno cinque secondi prima di tirare un pugno ai cuscini. Forse non lo amava, ma non le avrebbe più permesso di sminuire i sentimenti che provava per lei, mai più.

Inizia un tira e molla che mostra i lati nascosti dei nostri protagonisti. Ronin è un solitario e, vedendo la freddezza di Amery, torna a chiudersi in se stesso pur amando profondamente la ragazza. Solo durante il sesso i due raggiungono una splendida connessione mentre, alla fine del rapporto, la paura di lei e la delusione di lui li portano a una disconnessione.
Ronin teso e depresso per la lontananza dall’attività fisica e spaventato da quanto prospettatogli dal neurologo si chiude ancora più in se stesso; Amery da sostenitrice del dirsi tutto fa un grandissimo errore: gli tace una cosa di fondamentale importanza

«Vuoi che sia completamente onesto e che esprima i miei sentimenti? Bene. Lasciamo perdere la storia del contratto con l’Okada, facciamo finta che non sia successo niente. Sono incazzato perché se eri tanto preoccupata per la mia salute, potevi parlarmene invece di cercare le risposte di nascosto. Sono incazzato perché non mi hai ancora detto se vuoi venire a vivere con me. Sono incazzato perché non mi hai ancora detto che mi ami anche se sappiamo benissimo tutti e due che è così. Il nostro rapporto è diventato a senso unico, e lo sai».
Maledizione, non piangere. Ha ragione, ma se ti metti a piangere non farai che aggravare la situazione e fargli credere che stai tentando di manipolarlo.
«Le opzioni sono due: o riesci ad accettare il fatto che voglio un rapporto onesto, aperto e a lungo termine oppure no. La decisione spetta a te».
Detto questo, per la prima volta da quando si erano conosciuti, Ronin le voltò le spalle e se ne andò.
Amery scivolò via di soppiatto, vergognandosi come una ladra.


I ruoli sono ribaltati e, con grande abilità, la James mette a nudo forza e debolezza di ognuno dei due. Ma l’amore chiama, state tranquille, e i due si troveranno a fronteggiare un paio di minacce ben più pericolose delle incomprensioni che hanno caratterizzato finora il loro rapporto, arrivando però a un perfetto lieto fine.

Questa duologia, visto che il prossimo volume avrà due altri protagonisti e si prospetta ancora più bollente, mi ha stregato... o meglio, Ronin mi ha letteralmente stregato. È un personaggio dalle mille sfaccettature, la quintessenza stessa dell’erotismo mentre sul corpo di Amery esprime la propria arte e sensualità nodo dopo nodo.
Passionale, innamoratissimo, cambia se stesso per la donna che ama. Ronin rappresenta il sogno, l’uomo forte ma delicato, dolce ma deciso, l’uomo che alla fine fa e dice sempre la cosa giusta.
È un personaggio che, per quanto Amery sia sempre presente nelle pagine del romanzo, mette tranquillamente in ombra la componente femminile della storia perché noi lettrici pendiamo letteralmente dalle sue labbra.


L’attesa della pubblicazione di Stringimi ancora è stata lunga ma ne è valsa assolutamente la pena!







1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...