giovedì 8 settembre 2016

Recensione: "BUGIE NASCOSTE" di Alessandra Torre.







Genere: Romanzo Erotico Contemporaneo
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus Stranieri
Pagine: 280
Prezzo: € 19.00; € 9.99 (e-book)
Uscita: 5 luglio 2016




Sinossi:

Brant.
A vent'anni era già miliardario. Siamo stati insieme per tre anni. Mi ha chiesto di sposarlo quattro volte. E quattro volte gli ho detto di no.
Lee.
Fa il giardiniere – quando non è occupato a farsi le studentesse. È bravo con le mani e con tutto il corpo... L'ho inseguito per quasi due anni...
Avanti. Giudicatemi. Non avete idea di cosa comporti il mio amore.
Se pensate di avere già sentito questa storia, vi sbagliate.





Ho iniziato questo libro con molte aspettative, ma dopo le prime dieci pagine mi sembrava già noioso e scontato. Un’impressione sbagliata.
La scrittura della Torre, è scorrevole e fluida, molto descrittiva, ma intrigante.
Quello che non mi sarei mai aspettata è stata la miriade di sorprese racchiuse nelle pagine seguenti. Immaginate di salire sulle montagne russe (descrizione che cade a fagiolo), durante la prima interminabile salita. L'ansia che s'impenna, l'adrenalina che eccita e l'attesa che rende il respiro affannoso perché sai bene che poi la discesa sarà terrificante al pari della lunghezza della salita. Così è la storia di Layana e Brant e...Lee, una salita lenta, ma non troppo, nell'attesa che arrivi al picco per poi scendere alla velocità della luce, lasciandoti senza fiato. Ogni curva che affronti alla massima velocità ti sorprende e ti affascina, ogni indizio dell'autrice ti stimola e ti incuriosisce ma non ti soddisfa.

La mia mente ha immaginato di tutto, forse anche di più.

Brant ha un segreto, grande e oscuro.
Layana è una bugiarda: mente, raggira e sfrutta.
Lee è uno stronzo, sexy e bastardo.
NULLA È COME SEMBRA.
Dio mio! Quel segreto mi ha tolto il sonno. Dovevo capire, dovevo sapere e poi lei. Gli improperi che si è presa la povera protagonista, hanno fatto di me la nuova scaricatrice del porto di Venezia (sono veneta).
Chiudevo letteralmente il lettore ed ero incazzata nera!
Poi...un dubbio (ormai ero al 62%) leggero, quasi impercettibile. Fino alla scoperta!
Non posso dirvi nulla, ma vi spiego alcune cose.
Layana è ricca, viziata ed in cerca di qualcosa che la faccia scostare dal suo mondo snob.
Brant è ancora più ricco, bello e nerd. Nel senso che è un genio informatico che ha costruito un impero al pari se non superiore alla “mela mangiucchiata” con la “cara” zietta Jillian.
Lee è un ragazzo dei bassifondi che fa il giardiniere e “sarebbe” impegnato.
Layana ama Brant e viceversa.
Lee s'innamora di Layana che lo ama a sua volta e...ama il sesso selvaggio con lui.
A conti fatti qualcosa non torna. Lei li ama entrambi e quello che non fa per ottenere le attenzioni e l'amore di Lee, nonostante abbia già quello di Brant è indescrivibile.
Qui ovviamente partivano i miei coloriti epiteti.
Qualcosa però continua a non tornare.
Segreti bugie, situazioni non accettabili.
Che dire, quando scoprirete tutto, vi darete la classica botta in fronte perché gli indizi erano tutti lì a portata di mano.
Magistrale la Torre su questo “dire non dire”, su questo ammaliare il lettore facendo vedere il premio, ma nascondendo la strada per arrivare a raggiungerlo. Le tappe devono essere rispettate e lei ti guida alla scoperta di tutto.
Una storia che sembra già letta, ma non lo è. Al contrario, è bella e dinamica.
Vi assicuro che il giro in giostra vale i soldi spesi!
Consigliato a tutti, anche a chi non ama i triangoli.











Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...