martedì 27 settembre 2016

Recensione: "UNA NUOVA ALBA" di Cristina Lattaro.







Genere: Emozionante
Editore: Rizzoli
Collana: YouFeel
Pagine:
 94
Prezzo: € 2.99 (e-book)
Uscita:  29 Luglio 2016







Sinossi:

L'amore è un’onda di rugiada che travolge tutte le barriere.

Sabina insegna fisica in un istituto superiore. È sola, dopo la fine della convivenza con Giancarlo. Per lei non è stato facile chiudere un rapporto che durava da tempo, dimenticare e ricominciare. Così quando il preside, uomo molto severo, inizia a corteggiarla, lei va in crisi, dibattuta fra il ricordo di un amore passato e la proposta di una nuova avventura amorosa. Forse fin troppo ardita, dato che il preside è impegnato con una ragazza più giovane di Sabina e non ne fa mistero. Eppure per arrivare alla luce bisogna passare nel buio della notte. E tra le tempeste del cuore. Lo sa Marco, un ragazzo che Sabina incontra quando entra nella chiesa di Santa Lucia per ripararsi da un acquazzone. Un incontro casuale, o forse no?

Un romanzo ricco di emozioni e sentimenti, profondo ed estremamente sensuale, che vi coinvolgerà fino alla fine.



Due sono le caratteristiche che hanno reso Una nuova alba una lettura intensa: l’andamento della storia e lo stile.
La storia è una girandola di amanti e di pensieri, che non rispecchia solo la confusione sentimentale della protagonista Sabine. L’incertezza e i turbamenti di Sabine vengono analizzati con una naturalezza che mi ha coinvolto. Ogni passo verso la serenità della protagonista riflette la spontaneità della realtà, tanto che non si avverte la brevità temporale (e del racconto). L’andamento non è scontato perché solo alla fine Sabine sceglie il suo destino (che non mi aspettavo) e non mancano colpi di scena.
L’altro elemento che mi ha colpito è lo stile:conciso, diretto e spontaneo quel che basta. È anche merito dello stile se la storia segue un ritmo rapido. L’evoluzione dei fatti e la scrittura mantengono il coinvolgimento, tanto che non riuscivo a staccarmi dalla lettura perché volevo sapere come sarebbe andata a finire.
Non è facile tratteggiare diversi personaggi in così poco spazio e tempo. L’autrice riesce nell’intento, inquadrando a poco a poco i personaggi attraverso le sensazioni di Sabine. La protagonista è una docente di liceo che ha bisogno di ri-scoprire se stessa. La crisi inizia con l’abbandono da parte del fidanzato e passa attraverso la girandola di amanti, che la sconvolge fino alla rinnovata serenità. Nella sua vita irrompono il ritorno dell’ex, le fantasticherie erotiche sul preside e un’altra possibile conquista. Ovviamente i maschi sono affascinanti, come si conviene nel romance (magari i presidi fossero come Mario Lumi!). Al mix di sex appeal maschile si aggiunge una liaison con una ragazza. Insomma, ce n’è per tutti i gusti. Chi sceglierà Sabine?
Non manca, quindi, una certa dose di sessualità, adatta a ogni palato. Non è preponderante e non scende nei minimi dettagli, ma l’atmosfera è intrisa di sensualità. La sensualità è il motore prevalente che esorta Sabine alla consapevolezza di sé.
Una nuova alba mi ha sorpreso: il romance puro non è tra i generi letterari che preferisco, eppure sono rimasta colpita da questo racconto per la scorrevolezza e l’andamento inaspettato che mi hanno lasciata con il fiato sospeso fino alla fine.










1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...