giovedì 6 ottobre 2016

Recensione: "FLAWED. GLI IMPERFETTI" di Cecelia Ahern







Genere: Fantasy
Editore: DeAgostini
Collana: Le gemme
Pagine:
416
Prezzo: € 13,41 (cartace0)
Uscita: 13 settembre 2016









Sinossi:

In un futuro non molto lontano, in un mondo non molto diverso, il giudice Crevan conduce una spietata guerra contro l'immoralità. È lui e lui solo a decidere chi sia un cittadino modello, e chi invece sia un imperfetto, un essere fallato da marchiare a fuoco con una F sul petto e da allontanare dalla società civile. Celestine ha diciassette anni e non ha mai avuto dubbi sul suo ruolo nel mondo: è una figlia perfetta, una studentessa perfetta, ed è anche una fidanzata perfetta. La fidanzata di Art, il figlio del giudice Crevan. Ma un giorno tutto cambia. Celestine vede un fallato in fin di vita e sente di doverlo aiutare. D'un tratto tutto ciò che ha sempre ritenuto giusto non lo è più. Perché la compassione è più forte. Più forte della legge e delle rigide regole del giudice Crevan. Celestine decide quindi di aiutare il pover'uomo e quella decisione cambia la sua vita in un attimo...



La serie Flawed è così composta:
1. FLAWED. GLI IMPERFETTI
2. Perfect













Ogni giorno molti di noi sono alla ricerca della perfezione, dalle gradi alle piccole cose. Cecelia Ahern in questo libro cerca di trascinare il lettore in un mondo dove la perfezione è alla base di tutto: coloro che sbagliano non sono riconosciuti dalla società, vengono marchiati, vengono umiliati, vengono messi da parte e snobbati. È questo il destino che toccherà alla nostra protagonista, Celestine, per aver provato compassione nei confronti di un Fallato. 
L’autrice sottolinea dapprima la perfezione della protagonista e poi l’evoluzione che la porterà a capire i problemi che ci sono alla base della sua società, la crudeltà che viene riservata ai Fallati, spesso giudicati senza validi motivi 
Siamo in un mondo distopico, un mondo in cui le regole della società sono dannose al quieto vivere dell’uomo.  
Lo stile della Ahern è scorrevole, il libro si legge con piacere, e spesso con l’ansia di sapere come andrà a finire. Il problema è che non va a finire da nessuna parte.  
Questo primo libro funge da introduzione, un’introduzione abbastanza prolissa. 
La trama non si sviluppa ancora, sono state gettate delle basi abbastanza solide per il seguito, ma questo risulta spesso inutile. Possiamo certamente intuire che successivamente ci ritroveremo dinanzi ad un triangolo amoroso, ma possiamo anche dire che di questi due ragazzi ne sappiamo ben poco. Art, attuale ragazzo di Celestine, è il figlio del giudice Crevan, uomo che diventerà il peggior incubo della protagonista. Mentre Carrik sarà una figura misteriosa che Celestine troverà sempre più interessante, saranno vicini di cella nell’attesa del verdetto che li dichiarerà fallati o meno, ma è un personaggio che in questo primo romanzo non sentiamo esplicitamente, le sue parole vengono trasmesse attraverso i suoi gesti e, come dice Celestine, attraverso i suoi occhi neri.  
In conclusione, penso che un riassunto ben fatto di tutto il romanzo basterebbe a far capire bene le premesse iniziali per poi poter andare avanti con il libro successivo, in cui spero la trama cominci a svilupparsi.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...