martedì 1 novembre 2016

Recensione: "ADAM & HOLDEN - AMORI A SMITHFIELD" di L.B. Gregg.






Genere: MM
Editore: Harlequin Mondadori
Collana: eLit
Pagine: 188
Prezzo: € 3,99
Uscita: 29 luglio 2016








La serie AMORI A SMITHFIELD è così composta:
1. Mark & Tony
2. Max & Finn 
3. Seth & David 
4. Adam & Holden

Sinossi:

AMORI A SMITHFIELD - Vol. 4. Guardare il mondo dalla finestra non è poi così male, se per il resto della vita hai viaggiato e puoi ancora vivere dei sogni passati. Questo è ciò che pensavo prima che assumessi Adam, il nuovo giardiniere, e lui trovasse un cadavere all'interno della mia proprietà. Da quel giorno la mia vita è sottosopra, e non solo perché la mia agorafobia non mi esclude come possibile omicida, almeno a sentire la polizia, ma soprattutto perché ora ho davvero voglia di uscire da queste quattro mura, mano nella mano con Adam, e ritornare ad amare. Ma ho come la sensazione che non sarà facile aprire questa nuova porta!



Davvero divertentissimo questo quarto capitolo di Amori a Smithfield!
In questo libro la vena comica che tanto avevo apprezzato è tornata in tutto il suo splendore, insieme all'immancabile giallo, questa volta incentrato sul misterioso ritrovamento di un cadavere nel giardino di Holden.
Un’indagine molto ben articolata, che fino alle battute finali della storia mi ha tenuta incollata al libro, mettendomi anche un po' in difficoltà nel trovare i gusti indizi per poter identificare il colpevole.
I protagonisti sono Holden Xavier Worthington e il suo giovane giardiniere Adam Morgan.
Holden è un quarantenne molto avvenente, ex esploratore, ex personaggio pubblico, molto ricco con un piccolo problema di agorafobia. Dopo che in un'intervista in Tv è venuta alla luce la sua seconda identità letteraria (oltre che scrivere reportage sui suoi viaggi avventurosi scrive anche Romance Gay al limite del pornografico), non riesce più a mettere piede fuori casa.
Ora Holden si nasconde dagli abitanti di Smithfield, e dai giornalisti sempre a caccia di notizie, nella sua grande casa in stile profondo sud - avete presente Via col vento?, ecco una casa simile –, fa fatica anche ad uscire in giardino (un giardino molto grande che ha decisamente bisogno di cure).
Questa fobia lo rende completamente dipendente dagli altri, e viene reso molto bene dall'autore:

Uscire fuori... Una lieve brezza mi fece rizzare i peli sulle braccia. Brividi pungenti mi fecero irrigidire. I miei polmoni si fecero pesanti nel respirare quell'aria fresca e così densa. Il panico salì su dai miei piedi serpeggiando fino alle ginocchia.
Attacco d'ansia.
Merda.”

Nonostante in passato abbia avuto problemi con la legge ed è tuttora a in libertà vigilata, Adam è un ragazzo puro di spirito, un’anima fuori dal comune che prende alla lettera tutto quello che gli si dice, una gemma rara senza malizia alcuna:
«Dovresti averlo capito, ormai. Tutti questi segnali, io non li capisco proprio. Non riesco a capire cosa la gente vuole dire, a meno che lo dica chiaro e tondo. Non colgo la differenza tra uno scherzo, un tentativo di rimorchio o la presa per il culo di uno stronzo. È difficile. Non ho nessuna idea se il tuo amico ci abbia provato o no»....Quel ragazzo era sincerità e innocenza allo stato puro, e io temetti per lui: non aveva armi per proteggersi da Porter o John, se solo fossero arrivati a lui. O da Mrs. Henderson. Merda, tutta la città era un pericolo! L'avrebbero ferito.”

Finora tutta la serie mi era piaciuta, ma non si era guadagnata più di tre stelle e mezzo.
Questo quarto capitolo invece mi ha conquistata, ha qualcosa in più ed è decisamente quello che ho preferito, tanto che voglio premiarlo con quattro stelle. La parte hot è carina, ma non caldissima, però molto divertente viste le paranoie di Holden sue e del suo alter ego letterario, Xavier Wroth, sempre pronto a saltar fuori per sedurre il giovane vergine Adam!


















Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...