martedì 13 dicembre 2016

Romantic Xmas: "BOULE DE NEIGE" di Catherine Bc.

Continua la nostra rassegna Romantic Xmas con un dolce racconto di Catherine BC dal titolo "BOULE DE NIEGE". 
Una spruzzata di atmosfera natalizia direttamente per le lettrici di Insaziabili Letture!
Buona lettura!





Sono seduto su una panchina del parco. Fa talmente freddo che tutto sembra congelato, inerme. Alzo la sciarpa e mi copro il naso e la bocca perché il mio stesso respiro arriva nei polmoni come fosse un insieme di aghi. Punge e mi lascia in apnea. Sento la panchina scricchiolare e mi volto lentamente.
L’altra estremità è occupata da una ragazza minuta, coperta da una coltre di tessuto pesante, portato con eleganza innata. Dal berretto spunta un’adorabile frangetta bionda e dalla sciarpa la punta di un nasino che sembra disegnato. Ha l’aria tenera e dolce. Non si guarda intorno né si preoccupa dell’ora, segno che non aspetta nessuno. Fissa un punto indefinito davanti a sé, ma non sembra essere distante con il pensiero. Si sfrega le mani, soffiandoci sopra per scaldarle, producendo una nuvoletta di bianco vapore. Sembra uscita da un fumetto. È perfetta nelle proporzioni e indossa colori natalizi come i biscotti di pan pepato da appendere all’albero. I suoi pantaloni verdi e aderenti la fanno sembrare un folletto.
Vicino a me, poi, sembra ancora più piccola ed esile.
Improvvisamente si volta dalla mia parte, ignorando il legno stantio che ci ospita e si avventa sulla sua borsa. È così grande da ricordare quella di Mary Poppins, colma di cose di ogni genere, ma la sua foga e la sua crescente frustrazione mi fanno pensare che lì dentro abbia qualcosa per cui giocarsi l’anima, come Ebenezer Scrooge.  Ne estrae un telefonino ronzante e con le mani che le tremano inizia a schiacciare qualche tasto, fino a che, quasi ringhiando, ne stacca la batteria. Respira a fondo, nonostante l’aria gelida ci stia sferzando con mulinelli letali, e cerca di recuperare la calma. Con un gesto istintivo, dettato dalla volontà di essere gentile e da qualcosa di non ben definito, la raccolgo e gliela porgo. La ragazza alza lo sguardo e mi guarda per la prima volta. Ha gli occhi arrossati, velati da lacrime incipienti, di un grigio azzurro mesto, come le nebbiose mattinate d’autunno. Tuttavia sono molto espressivi e vi posso leggere sorpresa e curiosità per questa sorta d’ invasione del suo mondo.
«La ringrazio.»
Abbassa gli occhi, che ora noto frangiati da ciglia lunghe e morbide, e tenta con gesti nervosi di far tornare la batteria nella sua sede.
«Mi permette? Sembra nuovo.»
«Lo è.»
«Un regalo indesiderato?»
Un sospiro strozzato mi fa capire che sarebbe meglio non continuare ad addentrarsi su questo terreno. Mi sforzo di apparire concentrato sul mio compito, sentendo il suo sguardo vagare su di me. Sbircio nella sua direzione e mi perdo nel suo sorriso. È bella come un raggio di sole e sembra far riflettere della sua luce ogni superficie che ci circonda.
«Come ti chiami?»
«Clarissa.»
«Io sono… »
«Peter, lo so.»
La fisso negli occhi, allontanandomi come se avessi bisogno di metterla a fuoco. Non ricordo d’averla conosciuta in un’altra occasione, anche se il suo viso mi sembra familiare. Mi sforzo di ricordare, scavando nei ricordi, ma tutto rimane buio. Eppure lei è lì che mi fissa paziente, aspettando un’illuminazione che non arriva.
«Come fai a saperlo?»
« Ci conosciamo da una vita. Sono stata io a chiamarti così.»
Clarissa si avvicina, scivolando sulla panchina, e sorride apertamente. Piega la testa di lato in un gesto affettuoso e mi accarezza lenta una guancia.
«Ho sempre sognato di poter parlare davvero con te. Ti ho raccontato ogni mio segreto mentre stavi comodamente seduto su questa panchina in una meravigliosa palla di vetro. Avrei voluto conoscere i tuoi pensieri, accarezzarti come sto facendo ora e avvertire il calore del tuo viso sotto le dita. Sei sempre stato il mio modo per evadere dalla realtà, l’unico motivo per cui aspettare con gioia le feste. Sei un miracolo del Natale.»
Sono confuso e non so come reagire. Non ricordo molto, ma non credo d’esser stato importante per qualcuno. Cerco ancora di capire il nesso di quanto Clarissa mi racconta, un filo rosso che sistemi ogni pezzo al suo posto. Lei però sembra molto più sicura di quello che vuole. Con un movimento veloce e un po’ impacciato mi sfiora le labbra con le sue e tutto intorno a noi si blocca, come se ogni cosa si fosse pietrificata. Cose e persone sono immobili in pose innaturali. Un moto d’orrore mi fa spalancare gli occhi, ma Clarissa mi parla  sulle labbra, rassicurandomi.
«Non serve la ragione, Peter. Ci siamo solo noi in questo mondo. Tutto il resto è fermo.»
Mi bacia ancora una volta e io mi abbandono a lei, chiudendo gli occhi. Una sensazione simile ad un improvviso capogiro me li fa riaprire: grossi fiocchi neve cadono dal cielo vitreo.




L’autrice:
Katy Policante (Catherine BC) nasce e vive in provincia di Verona. Compie un percorso di studio variegato sia per attitudine che per esigenze personali. È attratta dalla scrittura fin dall’adolescenza. Ha partecipato a contest e concorsi organizzati da riviste e siti letterari. Ha scritto diversi racconti e qualche poesia, una delle quali è stata pubblicata su un settimanale femminile.

Nell’agosto del 2013 ha autopubblicato “Il sapore del proibito” (Forbidden Trilogy), il suo romanzo d’esordio.
Dal 12 dicembre 2013 un suo racconto natalizio è comparso tra le pagine dell’antologia “Natale e dintorni” edita dalla Alcheringa Edizioni .
Nello stesso periodo un altro suo racconto “Un nuovo inizio” è stato inserito nell’antologia “Halloween’s Novels”, curata da Le passioni di Brully e pubblicata su Amazon.
Nel gennaio del 2014, ancora da self publisher , presenta il racconto, “La sindrome di Stendhal”.
Nei primi mesi del 2014 un altro suo lavoro, “L’amore sa di tappo” è stato scelto dalla Butterfly Edizioni per far parte di un’antologia che è uscita il 16 dicembre 2014.
Sempre nello stesso giorno è uscito anche un suo racconto, “Samhain, la soglia” per la Delos Digital.
Nell’agosto del 2015 ha auto pubblicato il secondo romanzo della Forbidden Trilogy, “Ricatto proibito”.
Nell’ottobre del 2015 è uscito “La più dolce tentazione”, un romance con sfumature erotiche edito dalla Rizzoli per la collana You Feel.

Visita la pagina dell'autrice:



Ti è piaciuto il racconto di Catherine BC?
Lascia qui un tuo commento per farci sapere cosa ne pensi!





Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...