mercoledì 13 settembre 2017

Recesione: "SOLO LA TUA CAREZZA" di A.I. Cudil




Genere: Erotico, M/M
Editore: Giunti Editore
Serie: Six Senses # 3
Pagine: 290
Prezzo: € 4,99 (ebook)
Uscita: 19 aprile 2017








Sinossi:   

Cedric si è sempre goduto la vita fino in fondo, lanciandosi a capofitto in tutte le esperienze che gli sono capitate. Ha amato uomini, donne e ha assaporato ogni piacere dell’esistenza. Dietro il sorriso scanzonato e le battute fulminanti però si nasconde un cuore romantico pronto a donarsi a qualcuno che lo ami e che lo faccia sentire davvero vivo.

Ora che la sua permanenza a Parigi e il suo impegno come gigolò sono giunti al termine può tornare nella sua adorata Provenza. A Cavaillon, però, non lo aspettano solo gli amici della sua sfrenata gioventù ma anche i fantasmi di un passato doloroso. Assieme ai tessuti pregiati della ditta di famiglia, Cedric dovrà prendere in mano le redini della propria vita, capire davvero chi ama e chi vuole essere.
Lasciatevi accarezzare dalla provocante spensieratezza di Cedric e scoprite quale sarà il destino del personaggio più controverso della Six Senses Spa.


La serie Six Senses è così composta:
1 - Solo il tuo sapore
1.5 - Solo un assaggio 
2 - Solo la tua voce 
2.5 - Solo un sussurro 
3 -
Solo la tua carezza 








Negli ultimi tre anni le mie letture si sono spostate tutte verso il genere m/m, dal quale non riesco proprio a staccarmi. 
Sono arrivata a questa serie perché seguo da tempo questa autrice italiana: tutti i suoi libri mi sono piaciuti, spaziano dall’urban fantasy al contemporaneo, con innesti di suspense, inutile quindi dirvi che questo libro l'ho atteso molto, proprio come quello che lo ha preceduto! 
Se nel primo libro della serie sono rimasta incantata da un irriverente Matteo, e nel secondo sono stata rapita dal sensuale, intrigante, caliente uomo nero Diego Ruiz, ora sono perdutamente caduta ai piedi del dolce ed empatico Cedric: il più bello dei garçon del Six Senses SPA. 
Non prendetemi per una che guarda solo la bellezza! Tutti i ragazzi del Six Senses sono semplicemente stupendi, tutti incarnano anche un senso, Matteo il Gusto, Diego l’Udito, ed ecco chi è Cedric: 

“Io sono Cedric, sono il tatto, sfioro la realtà e ne comprendo il significato...Il tatto pervade ogni cellula della nostra pelle, ci separa dagli altri e nello stesso tempo ci mette in relazione con il mondo. Apriamoci al mondo e lasciamoci toccare da esso perché solo così potremo diventare le persone meravigliose che siamo destinati a essere.” 

Visto? Il ragazzo non ha solo un bel faccino e un fisico da urlo: è il più dolce, sensibile e fisico dei ragazzi. 
Cedric è finito al Six Senses nel momento più buio della sua esistenza, con un disperato bisogno di denaro per risollevare l’azienda di famiglia dopo la tragica scomparsa del padre, proprio come Diego a suo tempo, ecco perché gli è così affezionato, ma d'altronde anche Matteo non navigava nell'oro al momento del suo reclutamento! 
La professione di gigolò ha permesso a Cedric di guadagnare abbastanza denaro per rimettere in piedi l'azienda, ma nel Six Senses ha trovato amici e una famiglia. E' legato a tutti i membri, ma in particolare alla dolce Sylvie, amica ed ex amante, e all'irruento italiano tutto parolacce da cui si è sempre sentito attratto, per cui si è preso una gran bella cotta! 
Eh sì, avete capito bene: Cedric non ha ancora capito se è effettivamente bisessuale, o semplicemente curioso di sperimentare, amando molto il contatto fisico e il sesso in tutti i suoi aspetti. 
Ho sempre fatto il tifo per Cedric e, qualsiasi decisione avesse preso in merito a chi amare, l’avrei comunque appoggiato: l'amore è amore, in tutte le sue forme, non è diverso solo perché si ama una persona dello stesso sesso, non mi stancherò mai di dirlo e ridirlo... 
Speravo tanto in un finale m/m per lui: forse perché è il mio genere preferito? Forse perché non ce lo vedevo con una donna, non esistendo ancora una donna che lo comprendesse fino in fondo? Ha delle amiche splendide che lo sostengono da sempre, ma avevo la sensazione che per lui ci volesse un uomo, a tratti autoritario, ma anche timido, che lo spingesse a mettersi in gioco, per capire una volta per tutte per chi batterà il suo cuore. 
Una telefonata improvvisa da parte della banca, lo avvisa che il debito del padre è finalmente estinto, e il ritorno a casa sarà pieno di sorprese: 

“Ho visto molti film in cui i protagonisti quando si incontrano si fermano come bloccati, colpiti, tramortiti dal colpo di fulmine; non avrei mai pensato che un giorno potesse capitare anche a me. Eppure accade. All’improvviso vengo risucchiato nel mondo azzurro dei suoi occhi e scaldato dal calore del suo sorriso. Il tempo si ferma e credo di perdere il passo, ma le mie gambe sono indipendenti dal mio cervello e continuano a correre, nonostante io abbia un vero e proprio black out senziente.” 

Il misterioso proprietario di questi occhi azzurri è l'affascinante David, il giovane direttore della banca detentrice del suo ex-debito, nonché cugino dei migliori amici di Cedric, i gemelli Paule e Pauline. 
David è una persona posata, gentile, un uomo buono, scappato in fretta a furia dagli Stati Uniti, lasciandosi alle spalle un lavoro molto remunerativo per rifugiarsi in Provenza. Una persona molto equilibrata, non un bacchettone, ma una persona con sani principi morali, ma lui stesso dice a Cedric durante un colloquio: 

“Quando si è davvero nella necessità si possono fare errori e scendere a compromessi. Nel momento del bisogno spesso non si vedono alternative e si può essere disposti a fare qualsiasi cosa.” 
Che dite: una volta saputa la verità sul passato di Cedric, la penserà ancora nello stesso modo? 

Sono tanti personaggi compaiono in questo volume, familiari, amici d’infanzia e tutti gli amici parigini, che hanno avuto parte impostante nella vita di Cedric, ma è questo incontro con David che metterà in moto qualcosa in lui, che non potrà più essere arrestato; per Cedric è arrivato davvero il momento di decidere: 

Il Six Senses mi ha fatto conoscere delle persone meravigliose: Jonathan, Sylvie, Matteo, Irina, Laura, Diego e Yves, sono amici veri, amici preziosi. Persino da alcune clienti ho imparato qualcosa, da Eve, per esempio, ho imparato che voglio affezionarmi alle persone, voglio legarmi a loro perché essere distaccati provoca solo dolore. Non è vita quella passata solo in superficie, l’ho imparato da Matteo e da Diego. Tutti questi insegnamenti, tutti questi errori fanno di me la persona che sono oggi. Sono fiero dell’uomo che sono diventato. Lavorando lì ho imparato che i sacrifici vengono ripagati, che vivere in modo superficiale non paga, prima o poi ti frana la terra sotto i piedi e non hai appigli a cui aggrapparti, che esiste un modo diverso di relazionarsi con gli altri, un modo che implica fiducia, sincerità, affetto. E ho capito chi è Cedric Vidal. Non mi vergogno di me stesso.” 

Un libro davvero ben scritto e, per essere il primo m/m dell’autrice, devo dire che tutte le parti si incastrano alla perfezione: romanticismo ed erotismo sono ben calibrati, davvero bollenti gli incontri tra Cedric e David! 
L'autrice deve essersi documentata molto per scriverlo, sarebbe stato facile cadere nello stereotipo dell’m/f che si adatta a diventare m/m! E ci deve essere qualcosa che l’ha toccata davvero nel profondo per aver creato questi due uomini, che sono perfetti l’uno per l’altro. 
Le ultime righe dei ringraziamenti mi hanno toccata moltissimo, ho ancora le lacrime al solo pensiero; un dolcissimo saluto a una persona speciale, uno scrittore di talento che purtroppo ci ha lasciato da poco e che rimarrà sempre nei cuori di tutti i lettori del romance M/M.. 
Non vorrei essere fraintesa e che prendeste le mie parole per una sviolinata verso le casa editrice di questi romanzi, ma ogni volta che vedo una casa editrice “famosa” dare fiducia a questo genere e ai suoi lettori, ampliando il panorama del romance, sono sempre più contenta! 
Voglio che l’M/M esca del tutto dalla nicchia: per me è un altro passo verso il riconoscimento di diritti che per gli eterosessuali sono la prassi, ma per la comunità LGBTQ sono solo l'inizio... 
Le penne degli scrittori sono potenti, anche quelle del genere Romance! 






1 commento:

  1. Grazie infinite per la recensione! Sono davvero felice che la storia di Cedric abbia soddisfatto le aspettative di una lettrice così attenta.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...